#NonFaRidere, la campagna Arcigay contro la discriminazione sui social – VIDEO

La discriminazione ai tempi dei social è un problema difficile da sconfiggere. Un progetto ha individuato i termini più offensivi utilizzati.

Nel 2018, Arcigay ha portato avanti un progetto europeo chiamato Accept per individuare la discriminazione e l’odio omotransfobico che viene diffuso tramite i social network. L’analisi spiega che alcune determinate parole, utilizzate in certi temi e contesti, possono appunto discriminare o riversare odio su una persona o una comunità, come quella LGBT. Da qui si arriva dunque a quei testi o quelle frasi che comunemente si definiscono aggressioni verbali, e che talvolta sono peggio di un’aggressione fisica. I risultati sono stati poi inseriti in un video per la campagna #nonfaridere. 

Il progetto, utilizzando uno strumento messo a disposizione dalla fondazione Bruno Kessler, ha analizzato su Twitter un campione di post dedicati alla comunità LGBT. I testi sono stati classificati come positivi, negativi o ambigui, a seconda di quanto veniva scritto. Una volta suddivisi in queste 3 sezioni, si sono presi i termini più frequenti, suddividendoli a loro volta nelle 3 categorie. Non si tratta solamente di post offensivi, dove l’insulto è palese. Quelli difatti si possono riconoscere immediatamente. Il problema sopraggiunge quando la possibile offesa viene indicata utilizzando termini ambigui, dove la discriminazione è sotto forma di ironia.

#Nonfaridere, la campagna di Arcigay contro la discriminazione sulle “battute” omofobe in rete

I termini più utilizzati nella categoria negativa sono:

  • follia
  • ricch*one
  • natura
  • ribrezzo
  • pedofilo
  • ideologia

Tutti termini che si sentono dire dagli omofobi di professione, che associano l’omosessualità alla pedofilia, o che parlano di ideologia gender, o che ancora non si risparmiano di definire con termini offensivi una persona gay. Curiosi anche i termini inseriti nella categoria “ambigui”:

  • privilegio
  • opinione
  • eterofobia
  • scherzo
Ti suggeriamo anche  Ragazzo pestato a sangue in un parco, il video choc diventa virale - ma non era omofobia

Per questi, sarebbe importante leggere l’intero testo per capire se si tratta di una discriminazione o odio verso la comunità LGBT o al contrario verso l’omofobia. E’ ad esempio facile inserire la frase scherzo della natura, così come condannare l’omosessualità parlando di eterofobia, da parte di chi è contro il riconoscimento dei diritti civili.

Arcigay ha creato un video dove alcune persone leggono la “top 5” dei post più offensivi. Ascoltandoli, è facile trovare i termini che anche lo strumento ha individuato nella sua analisi.

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni