Don Santoro: “Battezzo figli dei gay: bimbi come gli altri”

Il prete fiorentino delle Piagge spiega perché non c’è niente di strano nel battezzare i figli delle coppie gay: “Sarà festa come per gli altri bimbi”.

Come annunciato dalla coppia gay di Prato appena rientrata dagli States con i due figli neonati, a battezzare i piccoli sarà Don Alessandro Santoro, prete delle Piagge di Firenze, già noto per le sue posizioni decisamente progressiste in tema di coppie gay e non solo.

A confermarlo è stato lo stesso prete in un’intervista rilasciata al sito Giornalettismo.

 “Non c’è nulla da dire – ha commentato don Santoro con estrema naturalezza -. E’ un battesimo di due bambini e basta”.

Del resto non poteva essere diversamente, dato che Luciano e Davide, la coppia in questione, ha già seguito il corso prematrimoniale per coppie gay che don Santoro organizza periodicamente.

“I bambini verranno battezzati nella comunità delle Piagge – ha aggiunto il prete fiorentino -, la data è già fissata. Accolgo ben volentieri il fatto di battezzarli e sarà festa come per tutti gli altri bimbi”.

Come certamente ricorderete, Don Santoro è stato più volte al centro di polemiche innescate dalla parte più tradizionalista della chiesa. Singolare fu il caso della coppia formata da un uomo e un’ex trans ormai donna a tutti gli effetti di cui don Santoro celebrò il matrimonio nella chiesa delle Piagge dopo che i due erano già sposati civilmente da moltissimi anni. Per quella scelta,il parroco venne sospeso per sei mesi.

Ti suggeriamo anche  Di Pitti, pavoni, estinzione dell'uomo d'altri tempi ed altre storie

Più recente la decisione di don Santoro e altri tre ecclesiastici di disobbedire alle direttive della curia e dare l’eucarestia ai gay cattolici.

E sul rapoprto tra i suoi fedeli e l’omosessualità, don Alessandro dice: "“Personalmente nella comunità non ho mai avuto problemi. Basta vivere dentro le situazioni e le realtà e le persone hanno la capacità di superare stereotipi e luoghi comuni. Mentre per chi è figlio di un obbiedenza formale a un sistema religioso, casi spesso ci sono problemi a fare breccia. E’ un mondo un po’ chiuso in se stesso, che continua a non dialogare su questioni che non sono dogmi divini ma processi in evoluzione. Bisogna incontrarsi, confrontarsi, percorrere insieme un cammino, per creare forme reali e vere di una accoglienza a 360 gradi per tutti”.