Dopo la violenza verbale, le scritte sui muri

Dopo l’aggressione verbale subita sabato, l’assessore gay del comune di Udine ha subito minacce scritte sui muri del parco cittadino. “Sono preoccupato per me e per gli altri gay” dice Enrico Pizza

Questa mattina sono state ritrovate al parco del Cormor di Udine delle scritte omofobe e di insulto verso il sindaco, Furio Honsell, e l’assessore comunale alla Mobilità nonché fondatore del circolo locale Arcigay, Enrico Pizza, già vittima di un episodio di omofobia sabato. «Essendo molto probabile che queste scritte si colleghino con l’aggressione omofoba subita da Pizza sabato sera – ha commentato Honsell – stavolta non vogliamo soprassedere. Episodi di intolleranza come questi devono essere condannati con fermezza e all’origine proprio per evitare delle pericolose derive. Ecco perché – continua il primo cittadino – abbiamo sporto denuncia contro ignoti in merito alle scritte trovate al parco del Cormor. Udine ha una forte tradizione di accoglienza, pluralità e tolleranza. Questi sono i valori e lo spirito della nostra città e del nostro Friuli – conclude – e non possiamo permettere che vengano infangati da singole persone che non rappresentano assolutamente l’intera collettività».

Appresa la notizia del ritrovamento delle scritte, anche l’assessore Pizza ha commentato l’episodio. «La Polizia Munipale – ha spiegato – mi ha confermato che le scritte sono apparse nella nottata tra domenica e oggi. È chiaro, quindi, che sia una reazione alla denuncia sporta ieri mattina. Ad ogni modo – prosegue – non nascondo la mia preoccupazione per il clima omofobo a cui stiamo assistendo, anche se non ci faremo certo intimidire». «Non sono tranquillo né per me, né per gli omosessuali che possono essere colpiti a causa di questo desiderio di vendetta». Le scritte, che riportano simboli di estrema destra, sono state fatte sul muro del bar del parco. In corso indagini della Digos, anche sull’aggressione verbale di sabato scorso.

Ti suggeriamo anche  Coppia gay divisa in aereo per fare spazio a coppia etero: bufera su Alaska Airlines