DRAG QUEENS, AI GIOCHI OLIMPICI COME REGINE DEL DESERTO

di

E’ ufficiale: il 1° ottobre 2000 anche le duecento Drag Queens vestite con gli abiti creati per il film “Priscilla” e premiati dall’Accademy Award, sfileranno durante la cerimonia...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1057 0

E’ ufficiale, il 1° ottobre 2000 anche le duecento Drag Queens vestite con gli abiti creati per il film “Priscilla” e premiati dall’Accademy Award, sfileranno durante la cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici di Sydney.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Alla fine l’hanno spuntata, anche “Priscilla”, film campione d’incassi che ha spopolato in tutto il mondo, è parte della cultura australiana e come tale ha contribuito a rappresentarne la freschezza e l’originalità in quei paesi ancora poco avvezzi ai progressi dell’Australia. Sydney ha aperto le porte agli sportivi e alle sportive omosessuali eludendo qualsiasi tipo di discriminazione e non poteva non concedere un tocco di festosità gaya anche alla sfilata finale. Per “le signore del deserto” non sono mancate le controversie. I soliti noti, cattolici, benpensanti e quanti ragionano con le paure più che con le ragioni, hanno manifestato a chiare lettere la paura, appunto che una rappresentazione del genere possa venire interpretata come la consacrazione di Sydney a capitale del mondo gay.

Ma forse gli stessi non hanno ancora realizzato che Sydney lo è già durante gli annuali “mardi gras” e il “gay pride”, dove ospita più di un milione di omosessuali giunti da ogni parte del globo.

Comunque sia, sarà un successo che ci proietterà dritti verso i Gay Games VI 2002, che si svolgeranno dal 2 al 9 novembre giorno della cerimonia di chiusura. A proposito, vi informo che le iscrizioni sono aperte fino al 31 marzo 2001. Per informazioni dettagliate visitate il sito della manifestazione all’indirizzo: www.gaygamesvi.org.au. All’interno troverete sia il programma sportivo che quello culturale, rigorosamente in lingua inglese, che all’occorrenza potrete scaricare.

di jaguar

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...