Due coppie etero lo rifiutano, lo adottano due papà gay

“Troppo nero, brutto e ritardato”. Il piccolo Paolo ora è felice con Rodrigo e Gilberto.

Rifiutato da due coppie etero, maltrattato dalla prima madre adottiva, abbandonato dal padre alcolista dopo la morte della madre (alcolista anche lei), Paolo, un bambino brasiliano di 4 anni ha finalmente trovato una famiglia con una coppia gay. Come riporta Repubblica , il giornalista Gilberto Scofield Jr e il suo compagno Rodrigo Barbosa hanno accolto il piccolo a braccia aperte dopo che prima di loro due coppie etero lo avevano rifiutato perché “troppo nero” o “troppo brutto e ritardato”.

“I nostri cuori erano colmi di speranza – ricordano Gilberto e Rodrigo ricordando il primo incontro con Paolo – e siamo scoppiati in lacrime per la gioia”.

Paolo vive con i suoi genitori adottivi da quattro mesi, da quando cioè, il Tribunale di Rio de Janeiro ha dato il via libera all’adozione, e frequenta corsi di nuoto e fitness. “Credeteci – raccontano i due papà -: non potrebbe essere più felice della sua nuova vita. Rilasciamo queste dichiarazioni per mostrare la nostra normalità, siamo una famiglia normalissima, due padri con il loro figlio, due gatti e il nostro cane”.

Ti suggeriamo anche  Brasile, la protesta di Tommy Dorfman della serie Tredici contro le cure riparative