E anche Washington ha detto “sì”

Da oggi l’ufficio dei matrimoni di Washington D.C. accetterà richieste e rilascerà autorizzazioni alle nozze a tutte le coppie gay e lesbiche che si presenteranno. In molti in fila fin dalle 7.30.

Con il rifiuto da parte della Corte Suprema del referendum proposto dagli oppositori delle nozze gay, Washington D.C. diventa ufficialmente il sesto stato degli Usa ad aver legalizzato i matrimoni tra gay.

Dalle 8.30 di questa mattina (le 14.30 per noi) l’ufficio matrimonio ha iniziato ad accettare le richieste da parte di coppie di gay e lesbiche, le prime in attesa addirittra dalle 7.15. Sinjoyla Townsend, 41 anni, e la sua compagna da 12 anni Angelisa Young, 47, prime in assoluto della fila hanno commentato: "E’ come svegliarsi il giorno di Natale". Per le prime ore di apertura dell’ufficio, gli impiegati (il cui numero è stato aumentato per l’occasione) e i dirigenti si aspettavano almeno 200 persone in fila. "Chiunque desidera un’autorizzazione per sposarsi l’avrà. Servirà un po’ di tempo, ma avranno la loro autorizzazione" ha spiegato la portavoce del tribunale Leah Gurowitz. 

Per questa novità, l’ufficio ha dovuto modificare i moduli di richiesta sostituendo le parole classiche con altre neutre: al posto di "sposa" e "sposo", negli spazi in cui vanno registrati i nomi, ci sarà adesso "coniuge".

A causa di un periodo obbligatorio che deve passare dalla richiesta alla cerimonia, i primi "Sì" potranno essere pronunciati non prima del 9 marzo, martedì prossimo. Quel giorno, il funzionario incaricato di unire i partner secondo il rito civile pronuncerà la fatidica frase: "Vi dichiaro sposati legalmente", invece della tradizionale "Vi dichiaro marito e moglie".

Presentare la richiesta di matrimonio, costerà ad ogni coppia 35 dollari, mentre l’autorizzazione in sé ne costa 10. Le coppie di gay o lesbiche che sono già registrate nel registro civile possono, versanodo solo 10 dollari, convertire la registrazione stessa in autorizzazione al matrimonio.

Ti suggeriamo anche  Bodo Mende e Karl Kreile, ecco i primi storici sposi gay di Germania

Per tutta la comunità lgbt, e non solo, di Washington questa sarà ricordata come una giornata di grande feste e per questa ragione il consigliere che ha promosso la legge regalerà dolcetti alla vaniglia e cioccolato alle prime 200 coppie in fila. Gli altri stati in cui sono concentite le nozze gay negli States sono: Connecticut, Iowa, Massachusetts, New Hampshire e Vermont.