“E’ gay”. E il prete anglicano non diventa vescovo

Per la seconda volta, il decano Jeffery John arriva ad un passo dal diventare vescovo, ma la commissione rifiuta la sua candidatura per via della sua dichiarata omosessualità.

Per la seconda volta si è trovato vicino alla nomina a vescovo della Chiesa d’Inghilterra e per la seconda volta non è riuscito a raggiungerla a causa della sua omosessualità dichiarata. E’ il caso di Jeffrey John, decano anglicano di St.Albans, vicino a Londra, che era stato proposto per il posto vacante nella diocesi londinese di Southwark. Ma dopo che il fronte più conservatore della Chiesa anglicana ha minacciato uno scisma se il prete omosessuale fosse stato nominato vescovo, l’eventualità è stata ufficialmente scartata dalla commissione che si occupa di decidere sulle nomine.

Già nel 2003, John, che ha ufficializzato qualche anno fa la sua unione civile con un altro prete anglicano, arrivò vicino alla carica di vescovo di Reading. Fu però poi costretto a ritirare la candidatura a causa delle polemiche sulla sua sessualità. David Cameron, che come primo ministro deve dare l’approvazione ufficiale ai vescovi nominati dalla Chiesa Anglicana, si era detto favorevole alla nomina, così come anche l’arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams, unito a John da un’amicizia di vecchia data. Ma il loro sostegno non è bastato contro le opposizione degli anglicani più tradizionalisti.

Ti suggeriamo anche  Regno Unito, il Governo vuole vietare le teorie riparative