È ufficiale, il 26 giugno sarà Napoli Pride

Si svolgerà il 26 giungo il Napoli Pride 2010. La decisione è stata presa oggi di comune accordo dalle associazioni presenti alla prima delle due giornate degli Stati Generali del movimento lgbt.

Larghissima convergenza delle associazioni nella prima delle due giornate di riunione per stabilire la data, la logistica, la modalità del corteo e la piattaforma politica del Napoli Pride 2010. Di comune accordo è stata confermata la data del 26 giugno. La decisione è arrivata un pò in ritardo a  causa di una provocazione lanciata da Famiglie Arcobaleno che è servita a smuovere il dibattito. L’associazione ha, infatti, chiesto che il Pride del 12 giugno di Roma non si svolgesse a causa della vicinanza con quello Nazionale. L’intervento della presidentessa del circolo Mario Mieli Rossana Praitano ha, però, ribadito l’importanza a prescindere del Pride di Roma che, svolgendosi nella città del Parlamento e del Vaticano, ne rende fondamentale lo svolgimento. «Abbiamo chiarito la questione della data e stabilito che il Pride di Roma sarà il trampolino di lancio per quello di Napoli. Da questa manifestazione ci aspettiamo il massimo» ha detto soddisfatto il Presidente di Arcigay Napoli Fabrizio Sorbara.

«Credo che a due mesi dal Pride Nazionale sia talmente urgente parlare di contenuti politi concreti e di concreta organizzazione del Pride che affrontare ragionamenti di natura metodologica sia inopportuno – ha detto il presidente nazionale di Arcigay Paolo Patanè in merito alla proposta di Famiglie Arcobaleno – I dubbi e le discussioni, però, – ha concluso – verranno superati dal bisogno delle persone di scendere in piazza. Si respirerà sicuramente una bella atmosfera». Dello stesso avviso anche il presidente di I-Ken Onlus Carlo Cremona che ha definito quella del Napoli Pride «Un’atmosfera completamente nuova, senza contrapposizioni tra organizzazioni e piattaforme politiche. La condivisione della data proposta inizialmente da parte dell’assemblea ne è una chiara dimostrazione».

Ti suggeriamo anche  Questa lettera fa capire l'importanza del coming out e dell'affetto dei genitori per un figlio gay

Nella seconda parte dell’incontro che si svolgerà domani sempre alla Camera del Lavoro Metropolitana di Napoli, verranno prese le ultime decisioni e stabilite le parole chiave della manifestazione, che quest’anno avrà una forma politica aperta e accoglierà con entusiasmo la partecipazione di tutte le associazioni. Con un grande applauso, inoltre, è stata accolta la proposta di un gemellaggio con il Pride Nazionale di Madrid, una serie di eventi che legheranno il Pride di Napoli a quello della Capitale spagnola e che conferiranno ancora più valore a quello che si prospetta un Pride Nazionale di grande importanza.