Editoria: Playboy guarda ai gay

di

I tempi cambiano, e la rivista emblema dell’erotismo patinato si apre al mercato gay.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1117 0

LONDRA – Partirà dalla Gran Bretagna l’espansione del settore di mercato nel quale opera la Playboy Enterprises e che ha come obiettivo quello della commercializzazione di prodotti destinati ad un pubblico gay. L’azienda fondata da Hugh Hefner negli anni ’50 deve le sue fortune al successo della rivista Playboy, che in oltre cinquant’anni di vita ha immortalato bellezze di ogni tipo famose e non. L’attuale amministratore delegato Christine Hefner, figlia del fondatore, in un’intervista al quotidiano britannico The Times ha preannunciato che nell’attuale fase di ampliamento dell’offerta dei prodotti a marchio Playboy ci sarà spazio anche per proposte rivolte agli omosessuali. Alle ormai proverbiali conigliette si potrebbero quindi presto aggiungere dei coniglietti. Tra i progetti di sviluppo del gruppo c’è anche quello dell’apertura di una catena di negozi in vari stati europei.

Il primo numero di Playboy Magazine uscì nel dicembre 1953 e tra le modelle proposte c’era anche Marilyn Monroe. Tra le donne famose che nel corso degli anni sono apparse sulla nota rivista ci sono anche Drew Barrymore, Charlize Theron, LaToya Jackson, Geri Halliwell, Linda Evans, Farrah Fawcett e Charisma Carpenter. Il massimo della diffusione e di copie vendute fu raggiunto negli anni ’70.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...