Elezioni 2008: tutti i candidati lgbt

Regione per Regione tutti i nomi di gay e lesbiche in lizza per entrare in Parlamento. Ma questa legge elettorale permette già di sapere chi la spunterà: alla fine, pochissimi (forse) ce la faranno.

Dodici candidati lgbt, tutti dell’area di centrosinistra, sono in lizza per difendere i diritti di gay, lesbiche e transessuali. Con l’attuale legge elettorale, che non permette di esprimere una preferenza, è possibile sapere prima del voto chi siederà effettivamente sugli scranni di Montecitorio e Palazzo Madama.

Accanto a Pecoraro Scanio (Sa) e Paola Concia (Pd), gli unici eletti con certezza, ci sono alcuni nomi la cui eleggibilità è in bilico e altri, la maggior parte, che non riuscirà ad arrivare alle camere. E fra questi ci sono personalità illustri.

Ecco chi riuscirà a varcare la soglia del parlamento italiano e chi, invece, dovrà accontentarsi di guardare da fuori.

Seggio
Circoscrizione
Candidato/a
Partito
Posizione in lista
 
 
Camera
Grillini Franco (detto Grillo)
Partito Socialista
4° posizione (NON ELEGGIBILE)
Camera

Grillini Franco (detto Grillo)

Partito Socialista
2° posizione (NON ELEGGIBILE)
Camera
Concia Paola
Partito democratico
10° posizione (ELEGGIBILE)
Camera
Wladimiro Guadagno (Luxuria)
Sinistra Arcobaleno
2° posizione (ELEGGIBILE ma incerto)
Camera
Basilicata
De Simone Caterina detta Titti
Sinistra Arcobaleno
1° posizione (ELEGGIBILE ma incerto)
Camera
Benedino Andrea
Partito democratico
12° posizione (ELEGGIBILE solo in caso di vittoria PD)
Camera
Scalfarotto Ivan
Partito democratico
15° posizione (NON ELEGGIBILE)
Camera
Pecoraro Scanio Alfonso
Sinistra Arcobaleno 
1° posizione (ELEGGIBILE) 
     
Senato
Silvestri Gianpaolo
Sinistra Arcobaleno
3° posizione (ELEGGIBILE ma incerto)
Senato
Jontof Hutter Paolo
Sinistra Arcobaleno
12° posizione (NON ELEGGIBILE)
Senato
Omero Fabio
Partito democratico
5° posizione (NON ELEGGIBILE)
Senato
Soggia Antonio
Sinistra Arcobaleno
4° posizione (NON ELEGGIBILE)

LEGGI ANCHE

Storie

Elezioni, Adinolfi prende lo 0,66% ed esulta: “È solo l’inizio”

Il leader del Popolo della Famiglia, rimasto fuori dal Parlamento, festeggia comunque l'esito elettorale.

di Gianluca Pellizzoni | 6 Marzo 2018

Speciale

Elezioni, the day after: che fine ha fatto l’Italia dei...

Quali sono gli scenari per la comunità LGBT dopo l'esito delle elezioni politiche.

di Gianluca Pellizzoni | 5 Marzo 2018

Storie

Potere al Popolo: non solo diritti per gay e lesbiche

Cosa c'è nel programma di Potere al Popolo che parla di persone LGBTQI? Tutto, sembrerebbe. L'approccio alla politica di PaP...

di Davide Bombini | 5 Febbraio 2018