Emendamento Giovanardi a legge omofobia equipara gay e pedofili

Un emendamento al testo di legge in discussione alla Commissione Giustizia del Senato e presentato da Giovanardi equipara i gay ai pedofili. Ma lui si giustifica: “È stato solo un refuso”.

Gaffe o errore “voluto”? Giovanardi torna a far parlare per un emendamento al ddl Omofobia, in discussione nelle prossime ore in Commissione Giustizia. Cosa prevede? Che omosessualità e pedofilia vengano tutelati dalle discriminazioni, equiparandole. La denuncia alla clamorosa svista, se di questo si tratta, arriva dal gruppo del Movimento Cinque Stelle al Senato. La senatrice Nunzia Catalfo ha dichiarato guerra al malcapitato Giovanardi: “Ho intenzione di segnalare il caso al Consiglio d’Europa e ho già avvertito il garante per la privacy. La questione non finisce qui”.

Giovanardi ha però già corretto il tiro: “Si tratta di un refuso, la mia intenzione era di scrive pedofobia, cioè l’ostilità verso la pedofilia“. Se però nessuno se ne fosse accorto e davvero la pedofilia fosse stata equiparata all’omosessualità tutto il testo sarebbe caduto sotto il fuoco delle polemiche, rendendo vano il lungo lavoro di mediazione per arrivare ad un progetto di legge condiviso.

Ti suggeriamo anche  Perugia Pride 2018, un gruppo di migranti LGBT aprirà il primo corteo per le vie della città