ESSERE QUEER, IN TRE MINUTI

di

Raccontare in 180 secondi cosa significa essere gay, lesbiche, bisex, trans... Parte l'edizione 2005 del concorso Videoqueer. Partecipare è gratuito. Per cineamatori coraggiosi.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
903 0

FIRENZE – Una manciata di secondi per raccontare il composito universo queer. E’ questa la sfida che propone ai videoamatori di tutta Italia e del mondo intero il concorso Videoqueer, organizzato da Ireos, Centro servizi autogestito della comunità queer di Firenze, in collaborazione con il Portale Giovani del Comune di Firenze e con Eventi s.r.l.
Come partecipareE’ giunto alla terza edizione questo concorso video a tematica gay, lesbica e transgender, l’unico in Italia dedicato esplicitamente a raccontare l’universo gay, lesbico e transgender, in tutte le modalità in cui si esprime, in forma sintetica ed incisiva ma libera, aperta e non sottoposta ad alcuna censura, dal documentario alla fiction, dalla video-arte all’elettronica. Brevi storie, 180 secondi, che raccontino il presente, tra quotidianità e voglia di affermazione, desideri e fantasie. Partecipare è gratuito, basta inviare, entro il 15 marzo 2005, un video in formato VHS o DVD della durata massima di tre minuti; il vincitore, che sarà scelto dal pubblico nell’ambito della terza edizione del Florence Queer Festival, festival internazionale di cinema e video a tematica gay, lesbica e transgender che si svolgerà a Firenze nel maggio 2005, si guadagna un premio di 500 euro.
La parola “queer” rappresenta tutti coloro che hanno un orientamento sessuale diverso dall’eterosessualità, un termine quindi che allarga la tradizionale definizione di omosessuale, maschile e femminile, anche ai bisessuali, ai transessuali e a coloro che culturalmente si definiscono transgender, cioè trasversali ai generi.
L’identità queer sta diventando oggi, almeno dal punto di vista delle immagini, un valore riconosciuto e sempre più presente, al cinema, in televisione, nella pubblicità, dopo che per decenni è stata protagonista di una scena poco illuminata dai riflettori.
Queer: un’identità in trasformazioneIl concorso intende mostrare un’identità queer in movimento, in continua metamorfosi, dove sensibilità e scelte differenti coesistono intrecciandosi, per contribuire a trasformare questa identità da emergenza sociale a protagonista del pensiero e della creazione culturale.
Videoqueer rappresenta al contempo anche una possibilità di stimolare il confronto interculturale all’interno della società, una fonte di arricchimento etico, politico e culturale per tutti.
La finalità specifica di Videoqueer è quella di raccogliere e allo stesso tempo promuovere, con uno spazio dedicato, le tracce di un discorso audiovisivo indipendente nell’ambito della produzione nazionale e internazionale emergente. Il video concorso riserva infatti uno sguardo particolare alle produzioni indipendenti e giovanili, fiorentine, nazionali e internazionali
Videoqueer sarà presente anche all’interno di Station to station 2005, il festival organizzato dall’Assessorato alle politiche giovanili del Comune di Firenze, in collaborazione con Controradio, che si terrà dal 2 al 4 dicembre al Mandela Forum di Firenze. In quell’occasione, saranno mostrati i migliori video delle scorse edizioni del concorso Videoqueer, oltre a una selezione di altri corti e mediometraggi a tematica queer.
Informazioni, bando del concorso e formulario sono disponibili nei siti: www.florencequeerfestival.it www.portalegiovani.comune.fi.it e possono essere richiesti all’indirizzo info@florencequeerfestival.it

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...