EuroPride 2022, vince Belgrado

La storia del Pride di Belgrado è una storia di violenze e proteste da parte dei gruppi di estrema destra e nazionalisti.

Con il 71% dei votanti tra gli organizzatori dell’European Pride, riunitisi oggi a Bilbao, Belgrado ha conquistato l’EuroPride del 2022. La storia del Pride di Belgrado è una storia di violenze e proteste da parte dei gruppi di estrema destra e nazionalisti. Dal 2014, fortunatamente, il Pride cittadino si è sempre svolto con successo e con un supporto crescente, fino all’ultima edizione della scorsa settimana , che ha visto in prima fila Ana Brnabić, dal 29 giugno 2017 Prima ministra della Serbia nonché prima donna nella storia del suo Paese ad assumere tale incarico, quinto capo di governo apertamente LGBT al mondo e secondo capo di governo dichiaratamente lesbico.

Belgrado ha sconfitto Barcellona (1% dei voti), Dublino (6%) e il Portogallo (22%). Kristine Garina, presidente dell’European Pride Organizers Association, ha dichiarato: “Il Pride è sempre stato una forma di protesta e l’EuroPride avrà un impatto enorme per le persone LGBTI di Belgrado e di tutta la Serbia. Ho visto di persona la violenza e le proteste che il Pride di Belgrado ha in passato dovuto subire e i voti dei nostri membri dimostrano come vogliamo che l’EuroPride abbia il massimo dell’impatto“.

L’ultimo EuroPride si è tenuto a Vienna, mentre nel 2020 sono tutti attesi a Salonicco. Nel 2021, invece, si volerà in Danimarca, a Copenaghen.

Ti suggeriamo anche  Svezia, le forze armate celebrano il Pride: "Difendiamo i valori che abbiamo il compito di difendere"