Fabrizio Marrazzo, nuove minacce omofobe: ‘froc*o morto’

Una lapide con minaccia di morte è stata inviata via social a Fabrizio Marrazzo.

Ancore minacce omofobe ai danni della comunità LGBT italiana.

Dopo Cathy La Torre, attivista nonché avvocatessa più volte minacciata di morte nelle scorse settimane, anche Fabrizio Marrazzo, Portavoce Gay Center e Responsabile Gay Help Line, è finito al centro dell’intolleranza che si fa intimidazione.

Se la scorsa settimana era stato un cappio, inviato via Facebook, a preoccupare Marrazzo, nelle ultime ore il medesimo utente, tale Italo Milani, ha bissato con un ancor più inquietante messaggio: ‘Condoglianze finocchio di merda. No pecorino, sì frocio. Solidarietà’. Chiaro il riferimento alla vicenda dello scontrino omofobo della Locanda Rigatoni, a Roma, che proprio il GayCenter aveva denunciato pubblicamente, con un’immagine in allegato che vede il volto di Fabrizio su una lapide, con scritto ‘frocio morto 2018’.

‘L’azione della nostra associazione non si ferma e diamo la piena solidarietà a Fabrizio Marrazzo, e depositeremo nuovamente denuncia’, annunciano dal Gay Center. Un solidarietà che tutta Gay.it sottoscrive.

Ti suggeriamo anche  Egitto, dopo gli arresti ora si discute legge anti-gay