Faenza, episodio di omofobia in discoteca: “Fr*cio, ti aspettiamo fuori”

Insulti, spinte e minacce, per una serata che solo fortunatamente non è finita peggio.

A rendere noto il caso di omofobia è la denuncia di William Donati, fondatore del gruppo Giovani LGBT+ Faenza.

Era il 3 marzo scorso quando William e dei suoi amici sono rimasti vittime dell’omofobia di uno presenti a una festa in un club della città. Una serata che purtroppo hanno dovuto lasciare a causa delle ripetute molestie.

I ragazzi erano andati a ballare in un locale a Faenza, quando sono stati avvicinati da un altro uomo che li avrebbe spinti e insultati al grido di ‘froci’, ‘ricchioni’ e ‘sei uomo, fai l’uomo’. Comportamenti che poi sarebbero andati avanti nonostante il gruppo si sia rivolto a un buttafuori, che ha redarguito l’avventore.

L’uomo infatti li avrebbe poi raggiunti nuovamente e insultati, minacciando che li avrebbe aspettati fuori con altre persone. Col timore che lui ed altri suoi amici venissero alle mani i ragazzi sono usciti dal locale, poco dopo che i buttafuori allontanassero ancora l’omofobo.

“C’è chi dirà: ‘Ma queste cose capitano solo a te?!’ – scrive William su Facebook – No. Queste cose capitano a chi ogni giorno non si vergogna di com’è e a chi poi ha il coraggio di denunciare chi cerca di impedirgli di esserlo”.

Ti suggeriamo anche  Paolo Colombo, il giornalista denuncia: "Consigliere di Genova non mi ha salutato perché sono gay"