“Faggot? Non è un insulto”: assurda sentenza in Francia

“Un parrucchiere può essere chiamato così perché i saloni assumono solo gay”

La Corte Francese ha appena assolto il capo di un hair salon dall’accusa di aver insultato pesantemente un suo commesso col termine “dirty faggot”: si legge, nell’assurdo report del tribunale, che poiché i saloni di parrucchieri assumono regolarmente persone gay l’aggettivo non è omofobico”.

faggot_corte_francese_sentenza_Assurda

Il fatto risale a circa un anno fa, quando il ragazzo in questione non è riuscito a recarsi a lavoro a causa di problemi di salute; il capo ha accidentalmente mandato un sms al malcapitato che era evidentemente diretto a qualcun altro con scritto:Non lo terrò, non ho una buona sensazione su di lui. Quello sporco frocio”. Il ragazzo è infatti stato prontamente licenziato ma non è rimasto a bocca chiusa: ha querelato il salone perché sicuro di essere stato dimesso per discriminazione e omofobia.

parrucchiere_gay_faggot_corte_francese_sentenza_Assurda

Nello specifico, “se mettiamo il termine nel contesto dei parrucchieri, il concilio non può considerare il termine come un insulto omofobico, proprio perché i saloni assumono spesso uomini gay in veste di acconciatori femminili, e ciò non crea alcun problema”.

Il giornalista francese Mathieu Brancourt, che per primo ha diffuso la sentenza del tribunale, ha scritto su Twitter: “sei un parrucchiere, vieni chiamato frocio, ed è ok perché i parrucchieri sono spesso gay giusto? grazie tribunale”.

Ti suggeriamo anche  'Guarita dall'omosessualità e dal cancro con una dieta vegana': è morta a causa di un tumore la youtuber Mari Lopez

 

Il ministro del lavoro francese Myriam El Khomri ha riferito ad una radio francese che trova il provvedimento “scandaloso e scioccante”. Condividiamo il parere e speriamo che questa vicenda venga risolta a favore del ragazzo prima possibile.