“Faggot? Non è un insulto”: assurda sentenza in Francia

“Un parrucchiere può essere chiamato così perché i saloni assumono solo gay”

La Corte Francese ha appena assolto il capo di un hair salon dall’accusa di aver insultato pesantemente un suo commesso col termine “dirty faggot”: si legge, nell’assurdo report del tribunale, che poiché i saloni di parrucchieri assumono regolarmente persone gay l’aggettivo non è omofobico”.

faggot_corte_francese_sentenza_Assurda

Il fatto risale a circa un anno fa, quando il ragazzo in questione non è riuscito a recarsi a lavoro a causa di problemi di salute; il capo ha accidentalmente mandato un sms al malcapitato che era evidentemente diretto a qualcun altro con scritto:Non lo terrò, non ho una buona sensazione su di lui. Quello sporco frocio”. Il ragazzo è infatti stato prontamente licenziato ma non è rimasto a bocca chiusa: ha querelato il salone perché sicuro di essere stato dimesso per discriminazione e omofobia.

parrucchiere_gay_faggot_corte_francese_sentenza_Assurda

Nello specifico, “se mettiamo il termine nel contesto dei parrucchieri, il concilio non può considerare il termine come un insulto omofobico, proprio perché i saloni assumono spesso uomini gay in veste di acconciatori femminili, e ciò non crea alcun problema”.

Il giornalista francese Mathieu Brancourt, che per primo ha diffuso la sentenza del tribunale, ha scritto su Twitter: “sei un parrucchiere, vieni chiamato frocio, ed è ok perché i parrucchieri sono spesso gay giusto? grazie tribunale”.

Ti suggeriamo anche  Special, primo trailer della serie Netflix su un omosessuale con lieve paralisi cerebrale

 

Il ministro del lavoro francese Myriam El Khomri ha riferito ad una radio francese che trova il provvedimento “scandaloso e scioccante”. Condividiamo il parere e speriamo che questa vicenda venga risolta a favore del ragazzo prima possibile.