Famiglie Arcobaleno, in Emilia-Romagna registrati altri due bambini

È successo a Bologna e ad Alfonsine, comune del Ravennate.

Proseguono le registrazioni dei figli delle famiglie arcobaleno: sempre più coppie non devono passare dal giudice.

Sembra consolidarsi ormai la tendenza da parte dei comuni italiani di riconoscere i bambini delle famiglie arcobaleno come figli di coppie omogenitoriali. Un passo non scontato e che si sta diffondendo dopo mesi in cui molti genitori sono stati costretti a ricorrere ai giudici.

Dopo lo strappo di Torino, a cui si sono aggiunte molte altre città, nuovi casi arrivano dall’Emilia-Romagna, dove sono stati registrati dall’anagrafe dello stato civile i figli di due coppie lesbiche.

La prima, composta da una 28enne e una 31enne, ha potuto riconoscere la bambina avuta in Spagna e di cui è stato trascritto il certificato di nascita iberico. L’atto è stato firmato personalmente dal sindaco di Alfonsine, piccolo paese romagnolo.

La seconda invece a Bologna è una coppia la cui figlia è nata in Italia e per cui quindi non vi era un certificato di nascita estero a rafforzare la richiesta delle due madri. Il sindaco bolognese Virginio Merola ha deciso tuttavia di procedere con il riconoscimento per intero della famiglia.

Ti suggeriamo anche  Emilia Romagna, PD spaccato sulla legge contro l'omotransfobia