Fano: il comune trascriverà il matrimonio di Fausto ed Elwin

E’ il primo comune in Italia a farlo direttamente. A Grosseto era intervenuto il giudice.

Fausto Schermi ed Elwin Van Dijk con il sindaco Stefano Aguzzi il 17 maggio scorso

Fausto Schermi ed Elwin Van Dijk con il sindaco Stefano Aguzzi il 17 maggio scorso

Dopo Grosseto e Latina, un altro comune si appresta a trascrivere un matrimonio gay nel proprio registro di stato civile. E’ il comune di Fano dove venerdì 30 maggio nella Sala della Concordia, dedicata tradizionalmente alla celebrazione dei matrimoni civili, il sindaco uscente Stefano Aguzzi, come ultimo atto del suo mandato, trascriverà il matrimonio di Fausto Schermi ed Elwin Van Dijk, celebrato in Olanda.

“Una scelta importante di cui siamo felici e orgogliosi – ha commentato Jacopo Cesari, presidente di Arcigay Agorà -, grazie alla quale Fano diventa la prima città in Italia a trascrivere un matrimonio gay con un atto diretto del Sindaco”. A Grosseto , lo ricordiamo, il Comune è stato costretto a trascrivere il matrimonio dopo una sentenza del tribunale, mentre a Latina , dopo una mozione approvata dal consiglio comunale, si attende che l’amministrazione proceda ad aprire il registro di stato civile anche alle coppie dello stesso sesso. Un atto coraggioso, quello di Aguzzi, che non ha atteso un obbligo stabilito da una sentenza.

La trascrizione del matrimonio di Fausto e Elwin era stata chiesta ufficialmente durante il corteo organizzato in occasione della Giornata contro l’Omofobia , lo scorso 17 maggio. In quell’occasione, la coppia aveva consegnato al sindaco in certificato di matrimonio olandese, tradotto in italiano e il sindaco aveva dichiarato, per iscritto che “l’atto di matrimonio può essere trascritto nei registri dello Stato civile non essendo ravvisabile alcun impedimento”. E ancora un appuntamento collettivo celebrerà l’evento. L’appuntamento è venerdì 30 maggio ore 9.00 di fronte al Comune. “Saliremo tutti insieme nella Sala della Concordia – spiega Cesari -. Come presidente di Arcigay Agorà voglio ringraziare Fausto ed Elwin per aver donato a tutta la comunità lgbt la loro storia, per l’impegno e l’energia instancabile di queste settimane, per non aver mai smesso di crederci. Grazie a voi, grazie a Stefano Aguzzi che ha saputo cogliere l’opportunità politica di segnare un passo avanti straordinario sul cammino dei diritti nel nostro paese. Grazie a quanti in queste settimane hanno messo in gioco tanto per conquistare il diritto ad essere riconosciuti e ad essere felicemente se stessi. Abbiamo aperto una strada, ora percorriamola”.

Soddisfazione ha espresso l’avvocato Antonio Rotelli, presidente di Rete Lenford – avvocatura lgbt. “E’ stata una decisione lungamente meditata – ha dichiarato Rotelli – rispetto alla quale con piacere abbiamo messo a disposizione del Sindaco il nostro parere giuridico sulla sua piena legittimità. Abbiamo rispettato una doverosa riservatezza, ma ora che la notizia è pubblica possiamo esprimere tutta la nostra soddisfazione”. “Auspichiamo – ha aggiunto Rotelli – che nei prossimi giorni altri Sindaci, con cui ci stiamo da tempo confrontando per sciogliere ogni loro dubbio di carattere giuridico, accolgano finalmente le richieste di trascrizioni che sono state presentate loro”.

Ti suggeriamo anche  L'infettivologa Silvia Nozza: "I giovani non hanno memoria storica"