Ferrara: facciamo la moratoria contro l’aborto

di

Il direttore de "Il Foglio" lancia un appello perché si faccia una moratoria internazionale contro l'interruzione di gravidanza. Lo appoggiano Forza Italia, Lega, Ruini e Binetti.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1230 0

"Rallegriamoci, e facciamo una moratoria per gli aborti. Infatti per ogni pena di morte comminata a un essere umano vivente ci sono mille, diecimila, centomila, milioni di aborti comminati a esseri umani viventi […] in alto i cuori, e dopo aver promosso la Piccola Moratoria promuoviamo la Grande Moratoria della strage degli innocenti".

Così Giuliano Ferrara ha lanciato la sua proposta di mobilitazione internazionale contro l’aborto, sulle orme della recente approvazione da parte dell’assemblea generale dell’Onu di quella sulla pena di morte. 

Ad accogliere l’appello sono arrivate immediate le dichiarazioni di Sandro Bondi che, cautamente, dichiara di non volere rivedere la legge 194 ma di volerla semplicemente applicare letteralmente. segue a ruota il Cardinale Camillo Ruini il quale, dalle pagine del Corriere della Sera, fa sapere che "richiamare il tema dell’aborto e chiedere una moratoria quantomeno per stimolare, risvegliare le coscienze di tutti è molto logico". Dalle fila dei cattolici del centro-destra dice la sua anche Rocco Buttiglione, a nome dell’UDC che dichiara di volere "appoggiare con forza la richiesta di una moratoria sull’aborto lanciata dal Cardinale Ruini" perché "il nostro partito è sempre stato all’avanguardia nella lotta in difesa della vita", mentre anche la Lega dice sì alla modifica della 194 "ma solo dopo il voto".

E se la sinistra radicale alza le barricate in difesa della legge 194 sull’aborto, alcuni esponenti del PD parlano di dialogo possibile "senza intaccare i principi base della norma", come ha dichiarato la ministra Livia Turco. Pronti a schierarsi con Forza Italia, Ferrara e Ruini si dichiarano, invece, i Teodem del PD, Binetti in testa, accompagnata da Enzo Carra e Luigi Bobba.

A favore della proposta del direttore de ‘Il Foglio’, naturalmente, anche tutte le associazioni e i gruppi cattolici, compresi gli organizzatori del Family Day capeggiati dall’ex segretario generale della CISL Savino Pezzotta

Intanto, Giuliano Ferrara ha chiesto a Veltroni che il comitato politico che sta scrivendo lo statuto del neonato PD ascolti le sue ragioni.

Leggi   Diritti Umani, Paola Binetti eletta vicepresidente: Comparò l'omosessualità alla pedofilia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...