A Ferrara niente patrocinio del Comune in occasione del Coming Out Day: favorisce la GPA

Il sindaco aveva più volte appoggiato il fatto che parlare di coming our fosse importante. Ma la sua opinione è cambiata.

Il sindaco Fabbri, eletto alle elezioni di fine maggio, dice no al patrocinio del comune di Ferrara all’evento organizzato in città in occasione del Coming Out Day, questo venerdì 11 ottobre. A denunciare la posizione dell’amministrazione comunale è Flavio Romani per Arcigay Ferrara, il quale ricorda come il sindaco leghista era stato molto favorevole e aperto sul tema del coming out, definito dallo stesso per l’appunto importante e apprezzando anche gli eventi dedicata alla sua giornata.

Ora, invece,  il passo indietro. La giravolta che fa cambiare al sindaco completamente la sua posizione nei confronto della giornata mondiale del coming out: favorisce la GPA. E qui una domanda nasce spontanea. Quale collegamento c’è tra il dichiarare ad amici e parenti il proprio orientamento sessuale e la Gestazione per Altri, comunemente definita anche utero in affitto? Ma sotto c’è la motivazione, e non ha molto a che fare il coming out e la sua giornata.

Coming Out Day e GPA a Ferrara, ecco il motivo

La motivazione, in realtà, è molto semplice. Tra gli ospiti dell’evento ci sarà anche Massimiliano De Giovanni. Flavio Romani, nel suo post Facebook di denuncia, spiega che l’ospite racconterà il suo coming out ai presenti. Niente di più, se non che lo stesso De Giovanni uscirà a breve con un fumetto, che racconta la storia di una coppia gay che decide di avere un bambino. Ad aver convinto a non dare il patrocinio, inoltre, sarebbero stati il  vicesindaco Nicola Lodi e all’assessora all’Istruzione Dorota Kusiak.

Ti suggeriamo anche  Marco Carta ricorda il suo coming out: "Essere liberi è impagabile"

Patrocinio o no, l’evento si terrà comunque. Così come la presenza e la testimonianza di Massimiliano De Giovanni. Lo stesso, sotto al post di Romani, ha ironizzato scrivendo:

E quando il mio nuovo graphic novel uscirà in libreria il 7 novembre cosa faranno? Un picchetto fuori da Libraccio e Feltrinelli? Comunque s’intitola LE SEMPLICI COSE, prendete nota