Fini ricorda l’omocausto

Il presidente della Camera, intervenendo all’inaugurazione di una mostra sull’olocausto a Montecitorio, ricorda che «Insieme a rom, ebrei e oppositori politici” c’erano anche gli omosessuali.

È sbagliato dire che il il razzismo è stato debellato. Il presidente della Camera Gianfranco Fini, a margine di un intervento oer l’inaugurazione della mostra "Prove di sterminio" da lui voluta a Montecitorio, ha ricordato come l’olocausto sia stato «un agghiacciante disegno di sterminio» di cui sono state vittime anche «rom, omosessuali, oppositori politici e tutti coloro che finirono nei lager e nei campi di sterminio per il solo fatto di esistere».

«Ricordare e conservare la memoria degli orrori della storia – ha aggiunto Fini – è un dovere imprescindibile, a maggior ragione quando essa riguarda efferati crimini rivolti contro l’umanità come quelli compiuti durante il nazismo». A proposito della mostra, il presidente si è detto convinto «che promuovere iniziative culturali su tale argomento sia un’occasione per affermare i valori umani contro ogni forma di razzismo e di antisemitismo. Le istituzioni hanno il dovere di stimolare la coscienza di ogni singolo cittadino a interiorizzare pagine di storia che sono patrimonio collettivo – ha proseguito Fini -. La Costituzione sancisce la difesa e la tutela dei principi della dignità umana come principio civile e morale. Le immagini di questa mostra colpiscono per la loro atroce crudezza».

«I racconti, i luoghi, i documenti e le cartelle cliniche visibili all’interno di questa rassegna sconvolgono l’anima. Terribili appaiono le giustificazioni dei medici e del personale degli ospedali, turba il tradimento vergognoso da loro attuato della missione umanitaria che dovrebbe sempre guidare la scienza e la medicina – ha sottolineato -. Anche la scienza e la medicina entrarono, al tempo del nazismo, nel meccanismo perverso del fanatismo ideologico che distrusse civilta’ e umanita’. Occorre sempre ricordare e non dimenticare affinche’ la storia non si ripeta. Il ricordo come valore civile e’ un insegnamento costante e vivo. Iniziative come questa – ha concluso Fini -sostituiscono e rendono quasi vane le parole: le immagini ci portano nel cuore di una tragedia che, per molti versi, non e’ traducibile con alcun linguaggio umano».

Ti suggeriamo anche  La storia LGBT di St. Louis dal 1970 al 1995