Florida: riaperto caso delle lesbo-assassine

La Corte Suprema ha deciso di riaprire il processo contro Ana Maria Cardona, condannata a morte per avere ucciso a colpi di mazza da baseball il figlio di tre anni, aiutata dalla sua amante lesbica.

MIAMI – Lo chiamano ‘Baby lollipops’ (bebe’ leccalecca), ma dietro all’innocente soprannome si nasconde uno dei casi di cronaca nera piu’ efferati della storia della Florida. Ora

L’avvocato della donna e’ riuscito a dimostrare che durante il giudizio l’accusa omise di consegnare alla difesa delle prove che avrebbero alleggerito la posizione della madre, aggravando invece quella della sua amante. Quest’ultima, Olivia Gonzales, condannata a 40 anni, ammise di essere la responsabile di una lunga serie di abusi a danno del bambino, ma la sua confessione fu tenuta segreta. Quando venne trovato morto il ragazzino era denutrito e portava i segni di precedenti violenze: sarebbe stato spesso richiuso in un armadio, legato e imbavagliato. Sulla magliettina che indossava c’era scritto ‘Baby lollipops’.

Ti suggeriamo anche  Milano, studenti coprono scritta omofoba con bandiera arcobaleno