Fontana choc: ‘abroghiamo la legge che sanziona l’incitazione alla violenza e alla discriminazione’

di

Quando Ivan Scalfarotto presentò la sua legge contro l'Omofobia, da anni nascosta al Senato, propose proprio di 'estendere' la legge Mancino.

matteo salvini lorenzo fontana lega
CONDIVIDI
1.1k Condivisioni Facebook 1.1k Twitter Google WhatsApp
3112 2

Un Ministro senza vergogna.

Il leghista Lorenzo Fontana, chiacchierato e contestato Ministro della Famiglia del Governo M5S/Lega Nord, è tornato a provocare chiedendo l’abrogazione della legge Mancino. Approvata nel 1993, la legge in questione sanziona e condanna gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista, e aventi per scopo l’incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali.

Secondo Fontana, sarebbe arrivato il tempo di cancellarla, perché a suo dire ‘trasformata in una sponda normativa usata dai globalisti per ammantare di antifascismo il loro razzismo anti-italiano. I burattinai della retorica del pensiero unico se ne facciano una ragione: il loro grande inganno è stato svelato’.

Parole che hanno ovviamente scatenato un putiferio politico nei confronti di un Ministro che ama, evidentemente, stare sulla bocca di tutti. Quando Ivan Scalfarotto presentò la sua legge contro l’Omofobia, da anni nascosta nei cassetti del Senato, propose proprio di ‘estendere’ la legge Mancino, punendo “l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi o fondati sull’omofobia o transfobia. Quella stessa legge che Fontana vorrebbe ora abrogare, facendo precipitare il Paese intero in un pozzo senza fondo dove tutto, ancor più di oggi, sarebbe vergognosamente possibile.

Leggi   "Fin*cchi qui non ne voglio": ragazzo gay buttato fuori dal negozio di souvenir a Venezia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...