FORZA NUOVA AL MARDI GRAS

L’estrema destra si fa viva a Torre del Lago alla vigilia del "Pride" estivo, con un volantino: "cittadini e compatrioti, ribellatevi!". Ma l’Arcigay insorge: "inaccettabili rigurgiti del passato".

TORRE DEL LAGO (LUCCA) – E’ gia’ furibonda la polemica per il quarto Gay Pride che si apre domani a Marina di Torre del Lago. In un volantino distribuito in citta’, firmato dalla sezione lucchese del movimento di destra Forza Nuova, si afferma che "e’ l’ ora che vi ribelliate e restituiate la vostra splendida localita’ alle famiglie naturali ed al turismo sano che ha sempre contraddistinto tutta la Versilia".

Si dichiara inoltre "a voi, cittadini e compatrioti, che le perversioni vanno curate e non manifestate" e che "Arcigay e le associazioni affiliate hanno scelto questa splendida localita’ turistica per le loro ripugnanti parate, col benestare del presidente della Regione e delle amministrazioni locali".

Per Alessio De Giorgi, presidente regionale di Arcigay Toscana, "e’ una provocazione inaccettabile". "Nel giorno dell’anniversario dell’eccidio di Sant’Anna di Stazzema – afferma una nota – la sezione di una formazione politica che si richiama agli stessi ideali che portarono alla morte milioni di persone, Forza Nuova, osa riproporre la stessa cultura contro il Gay Pride. Avevamo gia’ organizzato domani mattina una visita al Sacrario di Stazzema, accompagnati dal sindaco Gian Piero Lorenzoni perche’ sentivamo lo stridore tra l’occasione di festa e l’anniversario di una strage terribile. Oggi questa visita, con questo volantino, assume un significato nuovo: di rifiuto totale e incondizionato di quella cultura che ha sterminato i martiri a Stazzema e milioni di persone omosessuali nei campi di concentramento nazisti".

Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo