Francia: il sindaco gay di Parigi minacciato da al-Qaeda

di

Bertrand Delaoe sarebbe nella lista degli obiettivi dell'organizzazione terrorista. A passare queste informazioni alla polizia francese è stata la CIA. Ora il sindaco ha una maggiore protezione.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
924 0

Il sindaco socialista di Parigi è stato messo sotto protezione della polizia dopo che i serivizi per la sicurezza statuntensi hanno informato i loro colleghi parigini che il primo cittadino, gay, potrebbe essere attaccato dai terroristi.
Monitorando il traffico di al-Qaeda su internet, la CIA ha scoperto che Bertrand Delanoe è nella lista degli obbiettivi. Come sindaco della maggiore città francese, è il più in vista tra i politici gay del paese.
"Sono calmo. Ho le informazioni che mi servono e ho fiducia totale nel lavoro che la polizia svolge per fronteggiare i problemi di sicurezza in generale, il terrorismo in particolare e in fine nel modo in cui si prendono cura della sicurezza del sindaco di Parigi" ha dichiarato Delanoe alla stazione televisiva iTele.

Un portavoce della polizia ha confermato che al sindaco è stata data una scorta aggiuntiva ed ha sottolineato che la minaccia non arriva direttamente dall’organizzazione terroristica.
Delanoe è considerato potenzialmente in corsa per le elezioni presidenziali del 2012 come candidato del partito socialista.
Gode del concreto appoggio degli elettori della capitale francese in seguito al successo di vari progetti che ha portato avanti in una problematica alleanza tra Verdi e Socialisti in comune. 

Già nel 2002 Delanoe fi accoltellato durante la Notte Bianca di Parigi mentre salutava la folla. Il suo assalitore, Azedine Berkane, dichiarò alla polizia: "Odio i politici, i Socialisti e gli omosessuali". 
Delanoe dichiarò la sua omosessualità durante un’intervista televisiva nel 1998, prima di essere eletto sindaco. Parigi è diventata la seconda grande città ad avere un sindaco gay, dopo Berlino.

Leggi   Ravenna, ragazzo insultato alla fermata del bus con frasi omofobe
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...