“Froci, comunisti” e poi colpi di cric e cacciavite

E’ successo a Milano lo scorso sabato sera quando i clienti di un locale della zona Navigli sono stati aggrediti da quattro uomini con le teste rasate arrivati a bordo di un’auto senza targhe.

"Froci, comunisti" e iniziano le botte a colpi di cric e cacciavite ai danni dei clienti, gay e lesbiche del locale Toilet di Milano, in zona Navigli. E’ successo lo scorso sabato sera qualche ora dopo la conclusione di un incontro di Forza Nuova a carattere europeo al quale avevano partecipato anche esponenti dell’estrema destra dell’Est. E stando ad alcune testimonianze, uno dei quattro aggressori, tutti con le teste rasate, aveva un chiaro accento dell’Est. 

Sono scesi da una Fiat Bravo blu senza targhe, proprio davanti al locale, e hanno iniziato a insultare e picchiare chi si trovava fuori dal Toilet. Poi hanno sfondato le vetrine cercando di entrare nel locale per continuare la loro missione punitiva.

Alla fine il bilancio sarà di due feriti (un ragazzo colpito con il cric alla testa e il gestore del locale preso a pugni) e un cliente schiaffeggiato. 

Due dei quattro aggressori sono stati raggiunti dalla polizia e denunciati per resistenza a pubblico ufficiale. Le forse dell’ordine hanno fatto sapere che non ci sarebbero elementi che provino la matrice politica e omofobica di quanto avvenuto. Certo è che considerate le testimonianze e la coincidenza con il convegno di qualche ora prima, il sospetto che questa matrice ci sia è molto forte e non del tutto campato in aria.

LEGGI ANCHE

Storie

Svezia respinge la richiesta di asilo politico: il caso di...

Il suo caso ha dimostrato la vicinanza di molti utenti tramite i social, e di qualche politico.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019

Storie

Omofobia: Radio Globo denuncia Fabrizio Marrazzo per diffamazione

"I nostri speaker sono liberi di esprimere ciò che sentono, senza alcun condizionamento editoriale", spiegano nel comunicato dalla Radio.

di Alessandro Bovo | 19 Febbraio 2019

Storie

La Svezia non concede l’asilo, 19enne gay rischia di tornare...

Se in Iran scoprissero che è gay e cristiano, Mehdi potrebbe essere condannato a morte.

di Alessandro Bovo | 18 Febbraio 2019