Gay e Rom: amore impossibile

Blitz contro Rom e Romeni: i lettori di Gay.it (70%) si dicono d’accordo con le azioni di polizia in corso sul territorio. I risultati di un sondaggio.

Una vasta operazione di polizia che si è svolta in nove regioni e quindici province, si è conclusa con l’arresto di centinaia di persone e alcune decine di espulsioni.

Da un sondaggio condotto dal Gay.it emerge che il 70% dei lettori è d’accordo con i blitz della polizia in corso per espellere Rom e Romeni dal territorio. Alla domanda "Credi che i Rom e i Romeni siano pericolosi per la vita di gay e lesbiche?" Solo il 33% risponde di "no".

I lettori credono che l’immigrazione di Rom e Romeni influisca negativamente sulla tranquillità dei luoghi che frequentano abitualmente. Alla domanda "Nella tua città, quanto influisce l’immigrazione di Rom e Romeni sulla serenità dei locali gay o dei luoghi d’incontro?" il 25% risponde "Molto", il 22% dice "Abbastanza", il 32% risponde "In minima parte" e solo il 21% pensa che non influisca per niente.

Il fenomeno dell’immigrazione romena è ben noto a gay e lesbiche. Molti luoghi d’incontro sono popolati da ragazzi che arrivano dalla Romania con intenzioni che potremmo quantomeno definire dubbie. Dalla prostituzione ai reati più gravi, sono sempre di più gli episodi che vengono denunciati non solo alle autorità ma anche alle associazioni e alla nostra redazione.

LEGGI ANCHE

Curiosità

Il mistero della tomba dei due soldati sepolti insieme in...

Il drammaturgo Guillem Clua ha pensato di scriverci una storia omosessuale. E la città di Sighisoara è diventata una meta...

di Alessandro Bovo | 17 Dicembre 2018

Storie

Romania, fa flop il referendum contro il matrimonio egualitario

Appena il 20,41% degli aventi diritto al voto si è recato alle urne per modificare la Costituzione, con il quorum...

di Federico Boni | 8 Ottobre 2018

Storie

Romania, la Corte Costituzionale sentenzia: ‘pari diritti anche per le...

A pochi giorni dal referendum che potrebbe rendere 'illegale' il matrimonio egualitario, la Corte costituzionale rumena ha preso posizione.

di Federico Boni | 30 Settembre 2018