Gay Village 2018, 100 giorni di musica, cinema, teatro e sport – il programma

E’ ormai davvero tutto pronto per il ritorno a Testaccio del Gay Village.

Un ritorno alle origini.

Il Gay Village 2018, arrivato alla sua 17esima edizione, torna a Testaccio e a quella formula che nei primi anni ‘2000 lo vide diventare luogo di rinascita e di aggregazione di un’intera comunità, fino a quel momento esclusa dall’estate romana. Dal 31 maggio all’8 settembre, nel piazzale della Città dell’Altra Economia, Gay Village 2018 riaprirà i battenti sette giorni su sette, proprio come 17 anni or sono, con una politica dei prezzi rivoluzionata. Gratuito dalla domenica al mercoledì, mentre il giovedì, il venerdì e il sabato si pagheranno 3 euro se si entrerà entro le ore 21:00 oppure rispettivamente 10, 12 e 15 euro (con un drink incluso) dalle 21 in poi.

20.000 metri quadrati di spazio, due piste da ballo, interviste-spettacolo di Pino Strabioli a personaggi come Franca Leosini, Drusilla Foer, Syria, Lucia Ocone Gianmarco Tognazzi e Gino Castaldo, ma anche una rassegna di cinema LGBT ogni martedì sera, concerti (con omaggi a Gabriella Ferri, Anna Magnani, Edith Piaf e Fabrizio De Andrè), pista da skate e campo da basket per i più sportivi, la Gay Village Academy diretta da Christian Nastasi, Daniel Decò e Manuel Minoia, un concorso per giovani burlesquer e boylesquer, presentazione di libri e tanto teatro (Michela Andreozzi, Andrea Rivera e Massimiliano Vado). Un villaggio che tornerà ad essere accentramento culturale LGBT, e non solo discoteca a cielo aperto, anche se saranno diverse le serate ‘evento’ in arrivo dal resto d’Italia e non solo. Da Los Angeles il Masterbeat Party (31 Maggio), dalla Spagna il Papa Party (16 Giugno), da Israele il Forever Tel Aviv (21 Luglio), oltre ad una storica collaborazione con il Padova Pride Village (8 e 28 Giugno, 13 Luglio e 25 Agosto) finalmente diventata realtà, all’arrivo della Muccassassina (29 Giugno, 27 Luglio e 17 Agosto) del BeQueer (15 Giugno) perugino e del capitolino Poppe (23 Giugno, 7 Luglio, 4 Agosto), del pugliese Picador (12 Luglio), del Wonder Milano (24 Agosto) e del Girl Village (22 Giugno, 20 Luglio, 10 Agosto, 7 Settembre), pensato ovviamente per un pubblico al femminile.

Ti suggeriamo anche  Imma Battaglia allo scontro frontale contro Virginia Raggi: "Non risponde neanche agli inviti LGBT"

Qui si fa la resistenza. Questa manifestazione oggi più che mai è una manifestazione politica. Chi dice che è solo una discoteca dice una gran cazzata!“, rivendica Imma Battaglia. “Ci abbiamo messo un po’ a capire che in realtà quel decentramento era un modo di esiliarci, in un quartiere che respingeva la nostra proposta culturale, e gli ultimi sviluppi politici non fanno sperare niente di buono”. “Grazie al Cae rinconquistiamo gli spazi, la città e il quartiere“.

Madrina della manifestazione, che nelle ultime 10 edizioni aveva trovato residenza all’EUR, Ilenia Pastorelli, protagonista del film Lo Chiamavano Jeeg Robot, per un’apertura che vedrà in prima fila anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, l’on. Stefania Pezzopane, e Giovanni Ciacci, fresco finalista di Ballando con le Stelle.