Gender, Family Day, Unioni Civili, Gay Pride e i politici su Twitter

di

L'assordante silenzio dei politici a favore dei diritti delle persone lgbt: ecco i numeri

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
4602 0

Il sito Misurarelacomunicazione.it ha raccolto i dati dei tweet riguardo al dibattito in corso sui diritti delle persone lgbt. Tra Family Day, Pride e DDL sulle unioni civili, il tema è molto di battuto su Twitter e ne parlano molto anche i politici.

Tramite Tweetpolitics hanno monitorato la diffusione degli hashtag che riguardano questi argomenti nei tweet dei politici e rappresentanti delle istituzioni. È risultato che #gender e #FamilyDay prevalgono nettamente su #UnioniCivili e #GayPride. Il monitoraggio è stato fatto tra l’8 e il 21 giugno (cioè da due giorni dopo i primi pride, che quindi non risultano nel conteggio, a un giorno dopo il Family Day).

Il sito fa notare che si può quasi parlare di bilanciamento tra i due fronti se si considerano anche le citazioni dei tweet dei politici.

Chi sono i più attivi del fronte anti-gay? Non vi stupirà sapere che si tratta di Maurizio Gasparri e Lucio Malan, come non sorprenderà nessuno sapere che dall’altra parte gli account più prolifici sono quelli di Monica Cirinnà e Sergio Lo Giudice che però si limitano alla questione unioni civili su cui Misurare la comunicazione parla di “assordante silenzio del PD”. Sul Pride, invece, a twittare più di tutti e Sinistra Ecologia e Libertà.

politici_twitter

Leggi   Lezione sull'affettività a Calcinate dipinge l'omosessualità come disagio
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...