Genitori di gay cinesi scrivono alla first lady: “E’ mamma può capire”

di

Un appello perché li aiuti a combattere le discriminazioni e i pregiudizi che, tra l'altro, favoriscono il diffondersi dell'HIV nella comunità LGBT.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3261 0

Una lettera alla first lady cinese, da genitori ad una mamma. E’ l’appello che cinque genitori di gay cinesi hanno rivolto a Peng Liyuan, ambasciatrice ONU per la lotta alla tubercolosi e all’HIV/AIDS.

Consapevoli delle forti discriminazioni di cui sono vittime i loro figli, i genitori raccontano come il loro lavoro di volontariato li abbia portati alla conclusione che la diffusione dell’HIV tra le persone omosessuali, in Cina, è maggiore che tra gli eterosessuali e questo si deve “soprattutto a pregiudizi e a discriminazioni”.

“Le discriminazioni e le incomprensioni espongono i gay a maggiori rischi – si legge nella lettera -. Solo quando i genitori accetteranno pubblicamente l’omosessualità, i diritti potranno essere tutelati. Ecco perché abbiamo bisogno di maggior sostegno”.

A guidare la campagna promossa dalle famiglie degli omosessuali cinesi è Dong Wanwan il cui figlio, ora ventitreenne, ha fatto coming out quando di anni ne aveva 19. I primi tempi non sono stati semplici, soprattutto in un paese in cui il pregiudizio nei confronti delle persone lgbt è così elevato. “È una mamma proprio come noi può comprendere le nostre preoccupazioni sulla salute dei nostri figli” scrivono i genitori alla first lady, nella speranza che il loro appello non cada nel vuoto e che l’intervento di una mamma che può fare la differenza posa dare il via ad un processo di cambiamento per tutto il paese.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Spirit Day, Britney Spears al fianco dei giovani LGBT vittime di omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...