Genova pronta all’Onda Pride: il sindaco trascrive il primo matrimonio

di

Il sindaco domani sarà al corteo e saluta il Pride trascrivendo un matrimonio egualitario.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
5437 0

Il sindaco di Genova Marco Doria ha trascritto oggi nel registro di Stato Civile del comune ligure il primo matrimonio egualitario celebrato all’estero. Così, il primo cittadino saluta l’appuntamento genovese con l’Onda Pride che si svolgerà domani (qui tutte le info ), in contemporanea a Catania e Foggia. Il sindaco fa sapere di essere stato lui stesso a procedere “quale ufficiale di stato civile, alla trascrizione di un atto di matrimonio celebrato in Gran Bretagna tra due cittadini genovesi dello stesso sesso che hanno rivolto istanza di trascrizione del documento al nostro Comune. La trascrizione degli atti di matrimonio validamente celebrati all’estero è dovuta per legge. In assenza di una legge italiana sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, la trascrizione ha il solo effetto di certificare e rendere pubblico un atto valido secondo la legislazione del paese estero in cui è stato celebrato il matrimonio ed è coerente con il principio di non discriminazione della Carta europea di Nizza. Mi auguro, tuttavia, che una legge nazionale presto riconosca le unioni tra persone dello stesso sesso, mettendo finalmente l’Italia al passo con altri paesi d’Europa“.

Doria risponde così all’appello lanciato qualche giorno fa proprio da Arcigay Genova che chiedeva all’amministrazione di seguire l’esempio di tutti quegli altri sindaci che in questi mesi hanno scelto di trascrivere i matrimoni tra persone dello stesso sesso celebrati all’estero. Il modo perfetto per anticipare il corteo dell’orgoglio lgbt di domani al quale Doria ha fatto sapere che parteciperà personalmente.

Lo Human Pride di domani, ha dichiarato il sindaco secondo quanto riporta Repubblica, è “testimonianza e “orgoglio” di un movimento di idee e di libertà che percorre tutto il mondo e in questi giorni ricorda la rivolta di Stonewall del 1969 per la liberazione omosessuale, mentre può vantare la recente sentenza della Corte suprema degli Usa e il referendum irlandese per il riconoscimento dei matrimoni tra persone dello stesso sesso”.

Leggi   Scuola di Londra partecipa al gay pride, alcuni genitori minacciano un'azione legale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...