Genova: i negozianti rifiutano i kit del Pride

di

Una serie di gadget tra cui alcune bandierine da mettere in vetrina, per diventare "gay-friendly" ed essere inseriti nella mappa del corteo. Ma i comemrcianti genovesi hanno aderito...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2838 0

In occasione del Genova Pride del 27 giugno prossimo, gli organizzatori hanno deciso di distribuire dei kit per i negozi che si trovano lungo il percorso del corteo, per promuovere la parata stessa e per decorare "a tema" gli esercizi commerciali. Il kit avrebbe un costo di 50 euro ciascuno, soldi destinati a coprire le spese necessarie all’organizzazione non solo della manifestazione conclusiva, ma anche di tutte le iniziative che la precedono. Ma sono stati pochi i negozianti disposti a comprare il kit: più o meno 150, per il momento.

Del resto, i comercianti sostengono che, trovandosi lungo il percorso, kit o non-kit, l’afflusso di clienti sarà comunque garantito. A niente è servita la garanzia di essere segnalati sulla mappa che verrà distribuita ai partecipanti.

In più, i partecipanti al Pride che, entrando in uno dei negozi che ha aderito alla campagna esibiranno un apposito braccialetto, avranno diritto ad uno sconto. Quindi, oltre a pagare 50 euro per avere il kit, i negozianti devono assicurare uno sconto a gay e lesbiche di tutt’Italia in arrivo in città. Che abbia prevalso la proverbiale propensione al risparmio, per così dire, dei genovesi?

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Leggi   Genova, in tribunale due mamme battono Comune e Prefettura per il figlio
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...