Gentilini invoca lo stupro

È tornato alla carica Gentilini, il vicesindaco di Treviso, che chiedeva la pulizia etnica per i culattoni. Questa volta invoca lo stupro con uno scalpello per i familiari di Alfonso Pecoraro Scanio.

Sono le solite dichiarazioni forti quelle di Gentilini, quelle a cui dopo un po’, pericolosamente, ci si abitua, come è avvenuto per i toni duri usati abitualmente dal leader del suo stesso partito Umberto Bossi. Questa volta l’ira di Gentilini si rivolge al ministro all’Ambiente Pecoraro Scanio: «a Gorgo al Monticano hanno violentato una donna con uno scalpello davanti e di dietro». «E io dico a Pecoraro Scanio che voglio che succeda la stessa cosa a sua sorella o a sua madre». «E già che parliamo di culi, sia chiaro che anche i gay io non li voglio vedere per le strade».

E Il pubblico lo premia con un’ovazione.

«Difficile dare una risposta, insulta persone che nemmeno conosce con questi toni – risponde Pecoraro Scanio – mi aspetterei una presa di distanze». «È talmente aberrante… Sono affermazioni che dovrebbero essere fuori da qualsiasi contesto civile – continua il ministro – frasi che possono spingere menti squilibrate a commettere delitti. Si parla di omicidio. Tra l’altro, avendo parlato di madre e sorella, valuterò con gli avvocati come procedere».

Storie

Giovanna Vivinetto, l’insegnante trans licenziata denuncia la scuola

Parte la denuncia ai danni della scuola Kennedy di Roma, dove Giovanna era insegnante.

di Alessandro Bovo