Germania al lavoro per vietare le terapie di conversione: ‘legge entro l’estate’

Ad annunciarlo il ministro della salute Jens Spahn, gay dichiarato e dal 2017 sposo.

Il ministro della salute tedesco Jens Spahn, 38enne dal 2017 sposo di Daniel Funke, ha annunciato che la Germania metterà finalmente al bando le cosiddette ‘terapie di conversione’.

Intervistato dal quotidiano Die Tageszeitung, Spahn è stato chiaro: “L’omosessualità non è una malattia e non ha bisogno di essere curata. Ecco perché sono a favore di un divieto alle terapie riparative.

Spahn ha sottolineato come la sfida sia nella “implementazione pratica” di un divieto, aggiungendo che cercherà di plasmare la legge insieme al ministro della giustizia, Katarina Barley. Il governo tedesco starebbe guardando ai modelli di divieto alle terapie di conversione esistenti a livello internazionale.

Ad oggi ben 15 Stati americani hanno approvato leggi che vietano la terapia di conversione sui minori, mentre Malta è stato il primo paese europeo a dichiararle fuorilegge, nel 2016.

Spahn vorrebbe raggiungere un accordo entro l’estate.