Giamaica: centri anti-Aids a rischio chiusura

Mancano i finanziamenti per continuare ad offrire assistenza ai malati di Aids e ai sieropositivi. I centri potrebbero chiudere a fine maggio.

KINGSTON – I tre maggiori centri per il trattamento dell’Hiv e dell’Aids della Giamaica affrontano urgenti problemi economici e potrebbero chiudere. I centri hanno bisogno di più di mezzo milione di dollari entro la fine di questo mese per mettersi in regola con il loro budget annuale del 2002.

Il Jamaica Aids Support ha centri a Kingston, Ocho Rios e Montego Bay e tratta circa mille pazienti. Offre anche servizi di counseling e di educazione sessuale.

Con la crescita del numero di casi di Aids negli ultimi cinque anni, il bisogno di servizi ha reso insufficienti i fondi del centro, che sopravvive grazie alle donazioni. Un portavoce del Jamaica Aids Support ha detto che il centro necessita di circa 40.000 dollari al mese, e che attualmente i fondi bastano appena per continuare ad operare fino alla fine di maggio.

25.000 giamaicani hanno l’Aids o l’Hiv secondo i documenti governativi. I Caraibi hanno il tasso di infezioni più alto al mondo dopo l’Africa sub-sahariana.

Ti suggeriamo anche  L'amministrazione Trump "interrompe uno studio sulla cura dell'HIV"