Giappone: approvata legge su diritti di trans

di

La camera dei deputati giapponese ha approvato oggi all'unanimita' un progetto di legge che consente ai transessuali di modificare il loro stato anagrafico.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1074 0

TOKYO – La camera dei deputati giapponese ha approvato oggi all’unanimita’ un progetto di legge che consente ai transessuali di modificare il loro stato anagrafico.
La legge e’ stato approvata in tempi record, appena nove giorni dopo la sua presentazione in commissione. A spingere l’assemblea ha contribuito in maniera decisiva, secondo gli osservatori, l’elezione tre mesi fa in un consiglio comunale di Tokyo di una transessuale, Aya Kamikawa, 35 anni, la prima della storia in Giappone a vincere un’elezione amministrativa. Kamikawa, uomo per l’anagrafe, aveva impostato la sua campagna sulla necessita’ di creare una societa’ in grado di accettare la diversita’.
La nuova legge supera una situazione di evidente contraddizione tra il riconoscimento, avvenuto alcuni anni fa, dello status di transessuale a quanti ottengono una diagnosi di disturbo psichico legato all’identita’ sessuale e l’impossibilita’ di modificare il proprio stato anagrafico.
La legge approvata oggi entrera’ in vigore il prossimo anno. Limita comunque il diritto al cambiamento dello stato civile a chi e’ single, senza figli, di eta’ superiore ai 20 anni, e in possesso di un certificato medico che attesti il disturbo dell’identita’ sessuale e l’avvenuto intervento chirurgico.

Leggi   Sapienza, bocciato il libretto per gli studenti transgender
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...