Cecenia: costretti a lasciare il Paese i giornalisti russi che hanno denunciato le violenze contro gli omosessuali

di

Lo ha annunciato in un'intervista rilasciata al Washington Post la giornalista Elena Milashina.

CONDIVIDI
225 Condivisioni Facebook 225 Twitter Google WhatsApp
7216 1

Abbandoneranno la Russia alcuni dei giornalisti di Novaya Gazeta, il quotidiano che ha raccontato l’inferno di torture e uccisioni toccato alle persone sospettate di essere omosessuali in Cecenia. Lo ha annunciato in un’intervista rilasciata al Washington Post Elena Milashina, giornalista investigativa che tra i primi denunciò le violenze cecene.

Il reportage sulla Cecenia si è trasformato, nel giro di pochi giorni dalla sua pubblicazione, in una polveriera pronta ad a esplodere e da allora la redazione di Novaya Gazeta, il giornale che ha raccontato al mondo gli abusi contro i gay compiuti dalle forze dell’ordine cecene, ha subito minacce ed intimidazioni continue.

A raccontarlo ai microfoni della CNN è Elena Milashina, giornalista d’assalto che in passato ha ricevuto un importante riconoscimento per il suo lavoro dallo Human Rights Watch ed è stata invitata alla Casa Bianca dalla famiglia Obama per ritirare il premio International Women of Courage.

Elena Milashina

La giornalista aveva già denunciato il clima di terrore con un’intervista esclusiva a HuffPost Italia:“Abbiamo pubblicato l’articolo il primo aprile e il 2 aprile 15.000 religiosi ceceni hanno annunciato la jihad contro i giornalisti che si sono occupati di questa storia. Hanno detto che abbiamo infangato l’onore della Cecenia e del suo popolo dicendo che tra di loro ci sono dei gay, e che dovremmo essere puniti per questo”.

Una situazione incredibile “che ricorda Charlie Hebdo” ha affermato la giornalista che ora ammette “sono costretta a lasciare il paese per la mia incolumità“. Ma la missione giornalistica di Milashina non si ferma: la donna, che ha lavorato fianco a fianco di Anna Politovskaya prima che venisse uccisa a causa delle sue inchieste, continuerà a denunciare i fatti che avvengono in Cecenia: Ho un sacco di fonti e informazioni, posso continuare il lavoro anche a distanza. […] È la reazione più grande che abbiamo avuto da quando raccontiamo ciò che accade in Cecenia. […] Non si tratta di una o due persone ma centinaia. Personalmente posso affermare che le ondate di repressione in Cecenia stanno diventando sempre più grandi e aggressive”.

Torturati ed uccisi, nelle cinque prigioni segrete cecene, non sono solo le persone LGBT, ma anche i sospettati di aver simpatia verso l’ISIS,  i tossicodipendenti e tutti coloro che non piacciono al leader ceceno di Kadyrov, come conferma Milashina: Questa è una situazione che ricorda la Germania nazista. La gente viene uccisa a causa della propria razza o della sua religione. È un crimine enorme, e sta accadendo adesso in Russia, a pochi passi dell’Europa“.

Novaya Gazeta non è nuova a minacce e intimidazioni: Anna Politovskaya per le sue inchieste sulle Cecenia fu uccisa di fronte al suo appartamento nel 2006 e la stessa sorte toccò a Anastasia Baburova, assassinata nel 2009. L’inchiesta di Novaya è stata considerata un “insulto alla secolare cultura cecena” e “alla dignità dei suoi uomini”: proprio per questo 24 leader religiosi, davanti a 15mila fedeli, hanno invocato atti di vendetta contro i suoi autori, dovunque essi si trovino“.

Leggi   Mappa dell'odio su Twitter: i gay ancora tra le categorie più attaccate d'Italia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...