Gli Angeli Gay accolgono il Papa. Evitata possibile minaccia

Tre modelli gay con ali dorate si sono fatti trovare in strada al passaggio di Benedetto XVI per cheidere alla Chiesa apertura verso le persone lgbt. Ancora polemiche per la visita del Papa.

Continua tra le proteste e le polemiche a visita del Papa nel Regno Unito. Il passaggio di Benedetto XVI nei pressi del St Mary’s University College a Twickenham è stato accolto da tre modeli gay seminudi con ali dorate sulle spalle . I tre, che si sono auto-battezzati Gaydar’s Warrior Angels hanno manifestato per chiedere alla Chiesa un atteggiamento più disponibile nei confronti dei diritti delle persone lgbt.

Gli angeli, sono stati fermati dalla polizia. Davanti alla scuola si sono radunati anche una ventina di altri manifestanti a contestare il passaggio del Papa, mentre la polizia ha adottato misure di sicurezza estreme, perquisendo uno ad uno tutti gli zainetti dei tremila ragazzi che dovevano partecipare all’incontro. Unica "arma" trovata un paio di forbici con la pinta arrotondata.

A rincarare la dose è arrivata la moglie dello Speaker della Camera dei Comuni, Sally Bercow, che mentre il marito John si preparava ad accogliere il Pontefice in visita al parlamento, chiedeva con un messaggio su Twitter i fondi per una manifestazione a favore dei diritti gay. L’iniziativa sarebbe un lancio della signora in paracadute.

"No, non salterò sul Papa!" ha scritto la laburista Mrs Bercow provocando non poco imbarazzo nei palazzi di Londra. Il consorte ha preferito non commentare limitandosi a concentarsi sull’accoglienza preparata per Ratzinger atteso a Westminster Hall da centinaia di ospiti tra cui gli ex premier Tony Blair, John Major e Gordon Brown.

Ti suggeriamo anche  India, in centinaia al pride dove l'omosessualità è ancora illegale

Cinque persone, infine, sono state arrestate a Londra dalla polizia perché potenziali minacce all’incolumità di Benedetto XVI. Scotland Yard, mentre sta ancora effettuano perquisizioni in un ufficio e in alcune abitazioni nella zona nord-est della Capitale, non ha diffuso altri particolari e non è chiaro sei i cinque fossero inglesi di origine araba o arabi residenti in Inghilterra.