Gli scienziati rompono il silenzio: papa irresponsabile

Dopo il leader europei anche gli scienziati prendono posizione contro le parole del papa sui preservativi. “Avrà conseguenze devastanti per la salute di milioni di persone” si legge sul Lancet.

Il Lancet, una delle più prestigiose riviste scientifiche del mondo, ha rotto il silenzio e nel numero in edicola ha criticato le parole di Benedetto XVI pronunciate in Africa sull’uso dei preservativi. "Il Papa ha pubblicamente distorto le prove scientifiche per promuovere la dottrina cattolica sul tema." si legge in un editoriale. "Non è chiaro – continua l’articolo – se l’errore del Papa sia dovuto ad ignoranza o se sia un deliberato tentativo di manipolare la scienza per appoggiare l’ideologia cattolica. Ma quando qualsiasi personaggio influente, sia una figura religiosa, sia politica, fa una

falsa affermazione scientifica che potrebbe avere conseguenze devastanti per la salute di milioni di persone, questi dovrebbe ritrattare o correggere la linea". Il profilattico, ribadisce il Lancet, è l’unico modo efficace per ridurre la tramissione sessuale della malattia.

I commenti del papa sono "terribilmente imprecisi" e potrebbero avere conseguenze devastanti, insomma. Dopo la dura presa di

posizione dei leader europei (tranne il nostro), ecco dunque la comunità scientifica mobilitarsi contro le teorie irresponsabili del pontefice secondo il quale l’unica soluzione per arginare la "devastante epidemia" sarebbe l’astinenza.

Parole che in un continente dai mille problemi e dalla assoluta povertà come quello africano suonano quasi come una barzelletta. Se non fossero reali, si intende.

LEGGI ANCHE

Storie

Donald Trump all’America: ‘basta HIV/AIDS entro dieci anni’ (ma ha...

Dopo aver dichiarato guerra alla ricerca, Donald Trump promette la fine dell'epidemia HIV/AIDS entro il 2030. Insorgono le associazioni LGBT.

di Federico Boni | 6 Febbraio 2019

Storie

Regno Unito, ‘zero trasmissioni di HIV entro il 2030’

Peccato che la Brexit potrebbe compromettere il piano. La maggior parte delle forniture di PrEP sono importate privatamente dall'UE.

di Federico Boni | 30 Gennaio 2019

Storie

Dentista caccia sieropositivo, l’associazione nazionale lo difende: le parole del...

Botta e risposta tra il Gay Center e l'ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani, che è così intervenuta sul caso della...

di Federico Boni | 14 Gennaio 2019