Gli ultranazionalisti minacciano il Pride di Belgrado

Scritte minacciose sono apparse in tutta la città, il governo schiera 5000 poliziotti per proteggere i manifestanti. Ultrà e militanti di destra starebbero preparando un attacco a base di Molotov.

Scritte del tipo "Vi stiamo aspettando", a proposito dell Gay Pride che si svolgerà domenica prossima a Belgrado, stanno facendo la loro comparsa in tutt la città. E non si riferiscono ad un comitato d’accoglienza… Le altre recitano motti come "Stop alla pedofilia" o "Stop alla parata gay". Migliaia di poliziotti saranno schierati a protezione della parata e dei manifestanti per il primo prida degli ultimi 8 annni. Durante l’ultima parata dell’orgoglio gay, nel 2001, i partecipanti furono assaliti e picchiati da attivisti di estrema destra e gruppi ultranazionalisti.

I politici più vicini alle politiche occidentali, guardano alla parata come ad una sorta di test per il Paese e se il test fosse superato positivamente, li aiuterebbe nella loro strategia di avvicinamento all’Unione Europea e ad una situazione di maggiore tolleranza. Il governo serbo ha dichiarato giovedì scorso che le autorità difenderanno il diritto di ogni cittadino di avere garantita la libertà d’espressione e di manifestare in maniera tranquilla.

Alla manifestazione parteciperà un solo esponente politico, Cedomir Jovanovic, leader del partito Liberal Democratico che è all’opposizione che scenderà in piazza insieme alla sua famiglia.

Mladen Obradovic, membro del movimento ultranazionalista Obraz ha dichiarato: "Tutti sanno cosa succederà se andranno avanti con la parata della vergogna, e la responsabilità sarà tutta di chi l’ha organizzata. Se pensano di poter prenedere a pugni negli occhi di tutto il popolo Serbo, si sbagliano di grosso". 

Ti suggeriamo anche  Appuntamenti su Grindr, in Olanda due raid omofobi in pochi giorni

Gli organizzatori parlano di "prova di democrazia" per la nazione che potrà mostrare quanto "onora i diritti umani, quanto è tollerante, quanto vuole accettare le norme della civilizzata Europa alla quale aspira e quanto, in buona sostanza, sia un paese normale". Il ministro degli Interni Ivica Dacic ha avvisato tutti dicendo che la manifestazione è ad alto rischio e che sono possibili scontri. Ha aggiunto che saranno impiegati più di 5000 poliziotti per proteggere i partecipanti. I media locali riportano che centinaia di estremisti e ultrà arriveranno a Belgrado da tutta la Serbia e dalle zone serbe della vicina Bosnia e pianificano di attaccare i partecipanti e la polizia con lanci di Molotov e sassi.