Gobbo, sindaco di Treviso, multerebbe due gay che si baciano

di

Intervistato a radio 24 per commentare la vicenda della pubblicità di Ikea, il sindaco leghista di Treviso dichiara che per "decoro pubblico" multerebbe due uomini che si baciano...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1798 0

La vicenda della campagna pubblicitaria di Ikea, quella in cui una coppia gay si tiene per mano e il cui slogan recita "Siamo aperti a tutte le famiglie", sembra non chiudersi mai.

Commentando la questione, il sindaco leghista di Treviso, Gian Paolo Gobbo, ha dichiarato: "Il problema non è quello dei manifesti dell’Ikea, non è fine a se stesso: il problema è quando c’è l’esasperazione e ci si mette nelle piazze e nei giardinetti". "Si tratta di decoro pubblico e non va bene – spiega Gobbo ai microfoni della trasmissione di Radio 24 La Zanzara -. Io multerei due uomini che si baciano in un parco della mia città. Certe cose si facciano in situazione private".

E multerebbe anche un uomo e una donna che si baciano in un parco? "Potrebbe essere anche tra maschio e femmina se è avanzata la cosa – dice e poi chiude -. Se si baciano in un luogo pubblico, c’è il concetto di morale… non è opportuno. Poi c’è l’orgoglio gay, lo fanno anche per provocazione". Quindi i baci gay andrebbero multati sempre, quelli etero solo se "la cosa è avanzata". Limite difficile da stabilire, ammettiamolo. E se invece ognuno fosse libero di esprimere la propria affettività senza rischiare di farsi sanzionare da un vigile urbano?

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...