Gran Bretagna: Unione Civile tra due preti gay

di

Si è “sposato” col suo compagno il reverendo Jeffrey John, che nel 2003 stava per diventare il primo vescovo apertamente gay della Chiesa d’Inghilterra.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
816 0

ST ALBANS – Fiori d’arancio qualche giorno fa nella cittadina di St Albans, 35 chilometri a nord di Londra, tra due pastori anglicani. Il decano reverendo Jeffrey John ha celebrato la sua unione civile con il suo compagno di lunga data Grant Holmes, cappellano del locale ospedale. La cerimonia privata si è tenuta nel locale ufficio del registro ed entrambi prelati indossavano l’abito talare. Domenica mattina l’annuncio della loro unione civile è stato dato ai parrocchiani, alla fine della messa. Il quotidiano The Times riferisce che la congregazione di fedeli ha accolto l’annuncio con un applauso, dopo di che c’è stato un ricevimento nel giardino della chiesa al quale hanno partecipato 150 invitati. Del resto per la comunità locale la cosa non deve essere apparsa molto sorprendente visto che i due vivono insieme nella canonica da molti anni e che il reverendo John è il più noto e anziano esponente apertamente e dichiaratamente gay della Chiesa d’Inghilterra, un’onestà che gli ha procurato nel corso degli anni anche molte critiche. Nel 2003 John era tra i candidati a diventare vescovo a Reading ma alla fine rinunciò in conseguenza della tempesta di polemiche e critiche mosse contro di lui dai membri più retrogradi e tradizionalisti del mondo religioso anglicano.
Come noto i pastori anglicani, che possono essere di entrambi i sessi, possono regolarmente sposarsi e avere una famiglia. Da quando è entrata in vigore la legge sulle Unioni Civili per le coppie omosessuali il consiglio dei Vescovi della Chiesa d’Inghilterra, per evitare discriminazioni basate sull’orientamento sessuale, ha stabilito che i prelati omosessuali potessero avere la possibilità di accedere a tali unioni garantendo al loro vescovo che la loro relazione è casta. Il vescovo di St Albans, il reverendo Christopher Herbert, ha dato il suo sostegno alla coppia, sostenendo che le unioni civili sono «una questione di giustizia, riflettenti una società di differenze e che cambia». (Roberto Taddeucci)

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...