Grasso: “Riconoscere piena cittadinanza alle coppie omosessuali”

di

Appello del presidente del Senato, ma in Commissione Giustizia è ancora tutto fermo.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2890 0

Finora non si era mai espresso in maniera così esplicita sulla materia dei diritti delle persone LGBT, ma oggi, in occasione della Cerimonia del Ventaglio con l’Associazione Stampa Parlamentare, il presidente del Senato Pietro Grasso ha dichiarato che “è giunto il momento di riconoscere piena cittadinanza alle coppie omosessuali”.

“In merito alle unioni civili – ha detto la seconda carica dello Stato – non posso non sottolineare con forza il ritardo accumulato negli anni: la prima sentenza della Corte Costituzionale risale al 2010, e già rilevava la necessità che il Parlamento intervenisse sul tema con urgenza. Credo fermamente che ormai sia giunto il tempo per riconoscere piena cittadinanza ai diritti delle coppie omosessuali, prendendo atto e regolando la realtà sociale del nostro Paese”.

Intanto, in queste ore è riunita la Commissione Giustizia del Senato che nella seduta ha all’ordine del giorno proprio il DDL Cirinnà. Mentre scriviamo (ore 16:04), però, la relazione tecnica del Ministero dell’Economia e delle Finanze sui costi per lo Stato delle unioni civili non ha ancora lasciato la Commissione Bilancio. Finché il testo del MEF non arriverà alla seconda commissione, non si potrà procedere con la discussione e il voto degli emendamenti. Tutto fermo, dunque, per il momento.

Leggi   Diritti Umani, Paola Binetti eletta vicepresidente: Comparò l'omosessualità alla pedofilia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...