Grillini a Scalfarotto: “Il PD vuole avere sempre ragione”

Lettera di Franco Grillini al vicepresidente del PD Ivan Scalfarotto che lo aveva accusato di aver cambiato le sue posizioni sui temi gay. “Quella del PD è arroganza stalinista”

Caro Ivan, permettimi di essere del tutto in disaccordo con le tue affermazioni. Si può essere in dissenso senza beccarsi del venduto o del rinunciatario o dello svendente? Si può discutere di un argomento

senza sentirsi dire taci tu che sei cornuto? E se anche fossi cornuto che c’entra con l’argomento di oggi? In ogni caso non ho svenduto un bel nulla e ti sfido una volta per tutte (amorevolmente e pacificamente) ad una discussione pubblica sulla politica lgbt praticata in passato che se non altro ci aveva messo al centro dell’attenzione politica e del favore dell’opinione pubblica. Sul Pacs che tu hai tanto detestato abbiamo costruito grandi manifestazioni ed ottenuto un enorme consenso cosa che non è più avvenuta in seguito. Nel merito di oggi non capisco proprio la polemica verso l’Idv che ha lasciato fare alla Concia quello che voleva con il risultato che si è visto un anno fa: l’approvazione della mozione di incostituzionalità di Vietti Udc contro la norma sull’aggravante. La perplessità era generale, i nostri giuristi avevano bocciato la norma, ma eravamo stati tutti zitti zitti. Il risultato è stato un immane disastro. La Concia al Tg1 di quel triste giorni disse che non si

riconosceva più in "questo Pd" che aveva gestito con i piedi i lavori parlamentari. Ora si vorrebbe ricominciare da capo con la stessa norma e con lo stesso rischio. Liberi di farlo, liberi noi di dissentire. E’ lecito dissentire? O il Pd pretende di avere sempre ragione e gli alleati servono solo per far numero? L’arroganza stalinista con cui avete accolto la legge dell’Idv mi fa paura. Ho l’impressione tra l’altro che sparare sull’Idv sia stato un modo per parlare a suocera perché nuora (le associazioni) intendano. Non è un bel modo di far politica e comunque non è il mio. In ogni caso ti ringrazio del benvenuto tra gli incendiari, spero che tu non abbia fatto il contrario e non ti sia scritto all’ordine dei pompieri.