Grindr, utente condannato a nove ergastoli per aver creato una rete di pedofili

I sei membri del gruppo attivo in Inghilterra sono stati condannati per diversi casi di violenza a danno di minori.

Una rete di pedofili è stata smantellata su Grindr dalle forze di polizia inglesi: tutti condannati in tribunale.

La più nota app di incontri gay del mondo è costretta a fare i conti ancora una volta con la presenza dei pedofili tra gli utenti. I sei cittadini britannici appena condannati organizzavano su Grindr live streaming di abusi su minori e incontri sessuali tra uomini di fronte a dei bambini.

Il termine del processo arriva pochi giorni dopo un altro procedimento giudiziario, questa volta in Australia, che ha svelato dei potenziali pedofili sull’app di incontri.

Tutti i pedofili a processo sono stati condannati per diversi reati, inclusi stupro e favoreggiamento della prostituzione minorile. Il leader del gruppo, Michael Emerton, ha ricevuto nove ergastoli, mentre gli altri cinque membri sono stati condannati a pene che vanno dai dieci ai due anni di reclusione. 

Le vittime della rete avevano in genere meno di tredici anni. Per il giudice del caso Michael Kay, “La vicenda è così terribile che mina la fiducia delle persone nel genere umano”.

 

Ti suggeriamo anche  George Pell, condannato per pedofilia colui che spiegava che l'omosessualità è un rischio per la salute peggiore del fumo