I rugbisti italiani sono machi?

Il capitano della nazionale italiana di rugby ci teneva a precisarlo: «non siamo icone gay né ho mai sentito di colleghi omosex». Eppure non sono mancati coming out eccellenti in tutti gli sport.

Il machismo nello sport è duro a morire. Mentre in Francia i rugbisti offrono i loro corpi agli occhi di donne e uomini grazie al calendario Dieu du Stade, in Italia siamo ancora alle dichiarazioni machiste. Il Capitano della nazionale italiana di rugby, Marco Bortolami ha dichiarato: «Vederci come gay è eccessivo. Tutto è nato dal calendario dello Stade Français, che viene acquistato per il 90 per cento da uomini. Ma bisogna stare attenti in che modo stimoliamo l’attenzione della gente». E dire che proprio oggi verranno inaugurati i mondiali della disciplina e che per l’occasione le strade di Londra sono state tappezzate da un manifesto realizzato per i turisti inglesi dall’ufficio del turismo di Parigi che lascia poco all’immaginazione: due squadre che, anziché scontrarsi violentemente, preferiscono baciarsi e toccarsi.

Ma gay e sport possono convivere serenamente. Ce lo dimostrano le numerose inziative sportive promosse dalle associazioni o da privati appassionati di questo o quello sport. Alcune per tutti: il torneo di pallavolo Mamma Mia che ha inaugurato proprio ieri, i Gay Games che si svolgono ogni quattro anni, i Mondiali di calcio che si svolgeranno dal 23 settembre in Argentina. Come dimenticare, poi, il coming out delle celebrità dello sport: il rugbista australiano Ian Roberts, il giocatore di baseball americano Billy Bean, il tuffatore Greg Louganis, i

calciatori tedeschi ecc., il calciatore olandese Dominique Van Dijk, la tennista Martina Navratilova, l’ex calciatore interista Vampeta. Infine, fu proprio a Gay.it che uno dei più famosi sportivi italiani, Alberto Gilardino, rilasciò la prima intervista di una calciatore italiano ad un organo di stampa gay.

Ti suggeriamo anche  Conor McGregor chiede scusa per le frasi omofobe: "Ho sbagliato, ho tanti amici gay"

Eppure lo sport è rimasto uguale e nessun rapporto sessuale si è consumato in un dopopartita, che noi sappiamo. Marco Bortolami può stare tranquillo. Nello spogliatoio nessuno farà cadere la saponetta.