I vescovi contro Zapatero, il governo scrive al Vaticano

La conferenza episcopale spagnola in una lettera invita a non votare più il leader socialista a causa, anche, dei matrimoni gay. E il governo esprime indignazione al Vaticano: “Gerarchia integralista”

Nei giorni scorsi, in vista delle imminenti elezioni che dovrebbero rinnovare il governo spagnolo, i vescovi iberici avevano fatto appello agli elettori perché non votassero di nuovo Zapatero. Tra i dieci motivi per non farlo, oltre ai tentativi di trattare con l’Eta e la legge sulla memoria che elimina ogni residuo del triste periodo franchista della Spagna, i vertici della chiesa locale indicano anche la legge che permette il matrimonio tra persone dello stesso sesso definita, insieme agli altri provvedimenti del governo "leggi gravemente ingiusta". In una lettera, i vescovi avevano difeso la famiglia tradizionale fondata sul matrimonio. Insomma, la storia la conosciamo bene e non è diversa da quella che ci sentiamo recitare quotidianamente in Italia. 

Ma il governo e il PSOE, il partito di Zapatero, non sono certo rimasti in silenzio davanti a quest’appello, e ha fatto arrivare direttamente in Vaticano un messaggio di ‘malessere’. L’annuncio è stato dato dal ministro degli Esteri spagnolo, Miguel Angel Moratinos che ha detto di avere parlato con il suo ambasciatore presso la Santa Sede, Francisco Vazquez Vazquez, il quale ha girato al segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone, la nota del governo di Madrid per questa nuova ingerenza dei vescovi spagnoli. 

Storie

Partecipa a 4 Ristoranti con il compagno e viene sommerso dalle telefonate omofobe – la denuncia video

"Froc*o di mer*a" al telefono, più e più volte, con voci modificate e numeri anonimi. La denuncia social di Mariano Scognamiglio, visto a 4 Ristoranti, su Sky, insieme al compagno.

di Federico Boni