IBS risponde a Il dito e la luna: “Nessuna discriminazione”

di

Il book shop on line si difende dalle accuse lanciate ieri dalla casa editrice gay alla quale era stato rifiutato uno spazio pubblicitario a pagamento perché "non rientra...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1261 0

Avevamo pubblicato ieri, la notizia del rifiuto, da parte del portale IBS, di pubblicare, a pagamento, uno spazio pubblicitario della casa editrice LGT "Il Dito e la Luna". Ecco la riposta di IBS a Francesca Polo.

Gentile Francesca Polo,

fin dal 1998 IBS si è sempre distinto per avere reso disponibili i lbri di ogni editore, piccolo o grande, purchè disponibili in commercio. Così come le nostre pagine  da  quasi 10 anni ospitano interventi e brevi recensioni su ogni prodotto, con pareri spesso anche negativi. Non ci siamo mai preoccupati che tali commenti pregiudicassero la vendibilità di alcuni prodotti. Oggi abbiamo in linea quasi 400.000 recensioni di clienti o semplici visitatori di IBS.

Parlare di noi come fossimo dei "censori", o peggio definirci "ignoranti" e "ipocriti",  di fronte alla nostra storia e a questi numeri, è ridicolo oltreché semplicemente falso.

La vs. casa editrice ha chiesto di utilizzare, anzichè tradizionali banner pubblicitari, dei piccoli box di testo (una sorta di mini-editoriali) che devono sottostare ad alcune regole: 1) devono segnalare singoli libri, al massimo gruppi di volumi con una loro sostanziale unitarietà 2) non devono contenere slogan, ma richiami molto piani al contenuto dei libri.

IBS non ha negato lo spazio a  Il Dito e la Luna , ha semplicemente fatto presente che in quello spazio andava usato un tono diverso, altrimenti sono a disposizione altre soluzioni pubblicitarie. Lo slogan "Libri lesbici gay e transgender. Butta via i pregiudizi! Vieni a conoscere la cultura LGT" era fuori dalle ns. politiche editoriali per i box di testo.

Tanto per fare un esempio, se lo slogan fosse stato:" Libri lesbici, gay e transgender. Li trovi sul catalogo Il Dito e la Luna" non avremmo avuto nulla da eccepire.

Noi abbiamo eccepito (ed è nel nostro pieno diritto) sullo slogan perché al di fuori dei toni previsti in quel particolare contesto. Non siamo nemici di lesbiche e gay!

Noi allo stesso modo rifiutiamo slogan di questo tipo anche a editori di guide turistiche: non per questo siamo contrari ai viaggi!

In sostanza, siete stati trattati come avremmo trattato chiunque altro in quella situazione e vi invito quindi non volervi considerare, a tutti i costi, "diversi", perchè per noi non lo siete e non lo diventerete neanche dopo questa vostra sproporzionata reazione.

Cordiali saluti

Mauro Zerbini 

(Amministratore delegato di Internet Bookshop Italia)

Leggi   Svizzera, approvata in via definitiva la legge contro l'omofobia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...