Il Bie contro Maroni: “Lettere da tutto il mondo, via il logo di Expo”

L’organismo che gestisce Expo: “È un abuso. Siamo contrari: è una questione di diritti”.

Vicente Gonzalez Loscertales, segretario generale del Bie

Vicente Gonzalez Loscertales, segretario generale del Bie

Il fronte contro Maroni e l’uso del logo di Expo per pubblicizzare il convegno omofobo del 17 gennaio prossimo, diventa internazionale e coinvolge anche il Bie (Bureau international des Expositions), l’organismo che assegna l’Expo e ne sovrintende l’organizzazione.

Il segretario generale Vicente Gonzalez Loscertales sposa le posizioni espresse in questi giorni rilasciata a Repubblica , Gonzalez Loscertales ricorda che si tratta di “una manifestazione basata sul rispetto di tutto e di tutti”. “Non è un evento partigiano o politico – spiega – e non può essere mai discriminatorio di gruppi di cittadini che hanno il diritto di avere le proprie opinioni religiose, i propri orientamenti sessuali. Utilizzare in modo abusivo a fine politico il logo non è accettabile ed è in contraddizione con i valori di Expo e del Bie”.

E non intende fare passare la cosa sotto silenzio. “Scriveremo una lettera al commissario unico Giuseppe Sala che sarà inviata in copia al ministro che ha la delega a Expo, Maurizio Martina, per chiedere di fare di tutto per eliminare il logo di Expo dal convegno“.

Vicente Gonzalez Loscertales, segretario generale del Bie

Vicente Gonzalez Loscertales, segretario generale del Bie

A Repubblica, il segretario generale racconta di avere ricevuto moltissime lettere, non solo dall’Italia, ma anche dalla Francia e degli Usa. “Chi ci ha scritto – aggiunge -? Persone che, giustamente, non possono capire come un evento come l’Expo sia utilizzato in questo modo. Hanno ragione. Perché per me il problema non è il boicottaggio: questa è una questione che ha a che fare prima di tutto con i diritti elementari delle persone e con il rispetto. Con o senza boicottaggio, non può essere accettato. Il Bie è sorpreso da quanto è successo ed è fermamente contrario“.

Ti suggeriamo anche  Ciao Gender, anche Siena ha la sua radio in salsa LGBT

Negli scorsi giorni anche Certi Diritti aveva scritto al Bie, chiedendo una presa di posizione chiara nei confronti di quanto sta succedendo. E le parole di Gonzalez Loscertales sono chiare e inequivocabili: quel logo deve sparire. “Chiederemo al presidente Maroni di fare il necessario per evitare questa situazione – conclude -. Possiamo capire che la Regione non abbia avuto cattive intenzioni, ma visto che questo convegno può essere considerato offensivo e discriminatorio, adesso bisogna rispettare i diritti di tutti. E bisogna rispettare il logo di Expo, che è di tutti”.

A questo punto, Roberto Maroni è davvero solo: non una sola voce si è levata in difesa della sua iniziativa, fatte salve, ovviamente, la Lega, i relatori del convegno e le loro organizzazioni.