Il coraggio d’acciaio di Tiziano Ferro

Le sue parole mi hanno toccato perché avrebbe potuto vivere nella menzogna come tanti altri noti ma la verità rende liberi (come disse qualcuno) e la serenità deriva esclusivamente da questo.

In un impeto d’orgoglio qualche ora fa mi sono scaricato l’opera omnia di Tiziano Ferro (legalmente, per carità). Sapevo già da un paio di giorni che aveva rilasciato un’intervista nella quale avrebbe dichiarato la propria omosessualità ma aspettavo di leggerla di persona per essere sicuro che non fosse la solita confessione a metà, che non ci fossero bizantinismi retorici e che non parlasse di "omoaffettività" o di altri vaghi sentimenti a metà strada tra l’amore e l’amicizia.

Mi sono quindi tuffato in questo che sembrava piuttosto un memoriale e con ammirata sorpresa non ho trovato nelle sue parole nessuna ambiguità, incertezza o ripensamento: "sono omosessuale". Una dichiarazione secca e chiara, a prova di idiota.

Ferro mi è sempre piaciuto ma non ne sono mai stato un suo fedele seguace. Non sono mai andato ad un suo concerto né mi fissavo sullo schermo come un cervo davanti ai fanali di una macchina se su MTV passavano un suo video. Da anni nell’ "ambiente" girava voce che fosse omosessuale, ma vai a capire quanto la realtà si fonde con la fantasia dato che si dice che sia gay persino Renato Zero! A voler essere del tutto sinceri, Ferro non ha mai spergiurato il contrario millantando come coperture orge con modelle o fidanzate segrete ma il suo atto di coraggio mi ha conquistato.

Ti suggeriamo anche  Gianni Amelio, 'sono un gay a cui l'adozione ha cambiato la vita'

Le sue parole mi hanno toccato profondamente perché avrebbe potuto vivere nella menzogna come tanti altri noti ma la verità rende liberi (come disse qualcuno) e la serenità deriva esclusivamente da questo stato.

Con la sua confessione oggi Ferro diventa un punto di riferimento per molti che ancora vivono con dolore e sofferenza la propria omosessualità non tanto perché interpreta un modello di gay "normale" (ognuno di noi può al massimo rappresentare se stesso, ed è già tanto) ma perché incarna l’esempio di una persona consapevole e sincera. Del resto è compito dell’artista spostare sempre più avanti i limiti della cultura scuotendo le coscienze e solo chi vive nel nostro paese sa quanto l’esempio di Tiziano Ferro possa più dell’indecisione e la meschinità dei nostri politici.

Tiziano ha dimostrato oggi di essere un artista vero perché la verità è condizione essenziale e imprescindibile all’arte, anche quando è scomoda, anche quando rischia di diventare un limite ma che senza di essa non si ha nulla da dire, rendendo tutti gli altri poco più che dei simulatori o dei ridicoli saltimbanco da fiera.

di Insy Loan ad alcuni meglio noto come Alessandro Michetti